Il cromosoma Y sta bene ed è in …

I processi di degenerazio…

Perche' l'esame genetico da solo…

Ogni clinica dovrebbe dis…

AIDS: Milano aveva il suo Missis…

In Italia, all'ospedale S…

Vitamina D: il legame con le pat…

[caption id="attachment_8…

Epatologia: più fibre e meno zuc…

Una ricerca dell'European…

Fumo, bronchite cronica e BPCO: …

In occasione della X …

Tumori: nuovo metodo per valutar…

E' possibile predire il …

Cellule staminali: metodo per pu…

Le popolazioni di cellu…

Carcinoma mammario: nuova soluzi…

Presentati i risultati d…

Autismo: dieta chetogenica contr…

La dieta chetogenica e a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla vescica: il marker giusto

Psca (Prostate stem cell antigen). Sarà questo il nome del probabile marker tumorale della vescica. Sembra infatti che una variazione di questo antigene possa aumentare del 30-40% il rischio di sviluppare un cancro della vescica. Il Psca è noto per essere over-espresso nel tumore della prostata e già in precedenza diversi studi ne avevano suggerito un ruolo anche in caso di neoplasia della vescica.

Lo studio. E’ stato confrontato il genoma di 6.667 soggetti con tumore della vescica e 39.590 persone sane evidenziando un’importante associazione tra presenza di cancro e una variazione (rs2294008) del gene Psca, determinata da una mutazione cosiddetta missenso dai genetisti, che porta a uno scambio di aminoacidi nella proteina finale. Gli stessi livelli di Psca nelle urine sono risultati bassi nei pazienti oncologici rispetto ai soggetti sani, suggerendone un ruolo di biomarcatore di semplice e accurata misurazione. Lo studio è stato pubblicato su Nature Genetics 2009 ( 41: 991 – 995) da un gruppo di ricercatori guidati da Xifeng Wu, dell’Anderson cancer center ( Texas).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: