Altroconsumo: le nuove pillole a…

[caption id="attachme…

Emicrania: legata ad una mutazio…

Identificata una muta…

Diabete di tipo 2: la Commission…

·         Empagliflozin…

Allarme “neuro-recessione”: il 6…

DAL 22 AL 25 OTTOBRE A TO…

Cancro: identificata molecola ch…

Identificata una molecola…

Sindrome premestruale: il Ferro …

Assumere ferro potrebbe …

Addio agli occhiali con il laser…

Busto Arsizio (VA), giugn…

Terapia steroidea in artrite reu…

Il nuovo sistema a rilasc…

Infarto: un nuovo e sensibilissi…

La nuova metodica ha perm…

LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla vescica: il marker giusto

Psca (Prostate stem cell antigen). Sarà questo il nome del probabile marker tumorale della vescica. Sembra infatti che una variazione di questo antigene possa aumentare del 30-40% il rischio di sviluppare un cancro della vescica. Il Psca è noto per essere over-espresso nel tumore della prostata e già in precedenza diversi studi ne avevano suggerito un ruolo anche in caso di neoplasia della vescica.

Lo studio. E’ stato confrontato il genoma di 6.667 soggetti con tumore della vescica e 39.590 persone sane evidenziando un’importante associazione tra presenza di cancro e una variazione (rs2294008) del gene Psca, determinata da una mutazione cosiddetta missenso dai genetisti, che porta a uno scambio di aminoacidi nella proteina finale. Gli stessi livelli di Psca nelle urine sono risultati bassi nei pazienti oncologici rispetto ai soggetti sani, suggerendone un ruolo di biomarcatore di semplice e accurata misurazione. Lo studio è stato pubblicato su Nature Genetics 2009 ( 41: 991 – 995) da un gruppo di ricercatori guidati da Xifeng Wu, dell’Anderson cancer center ( Texas).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi