Parkinsonismo grave curato con c…

E' italiano il primo stud…

Depressione: stimolazione cerebr…

Uno studio dimostra che l…

Retina artificiale: progetto in …

Un polimero conduttore è …

'Un Calcio al Diabete': parte la…

Milano, 29 aprile 2011 – …

L'ipnosi in bambini e adolescent…

Acta Biomedica pubblica u…

Cellule staminali: nuova procedu…

Per garantire il successo…

Pediatria: tre parametri per pre…

[caption id="attachment_8…

A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Confermata l'inefficacia degli a…

Uno studio europeo su 206…

Defibrillazione atriale senza do…

Presentata la prima evide…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Celiachia: un aiuto a contrastarla potrebbe venire da vermi parassiti

anchilostoma

anchilostoma

Scienziati australiani stanno sviluppando una nuova terapia contro i disturbi autoimmuni come la celiachia, un’intolleranza permanente al glutine presente nei cereali, ma il trattamento puo’ incontrare una certa riluttanza, poiche’ consiste nell’infettarsi con vermi parassiti. L’equipe del prof. James Daveson, dell’ospedale Princess Alexandra di Brisbane, ha contagiato 20 volontari che soffrono di celiachia con il parassita intestinale detto anchilostoma, le cui larve penetrano per via orale o cutanea nell’uomo e si attaccano alla parete intestinale. Il parassita, che sta scomparendo dalle societa’ occidentali a causa della forte enfasi sull’igiene, ha dimostrato di poter produrre una maggiore tolleranza a cibi come pane e pasta.
”I pazienti che hanno ospitato il parassita hanno tollerato meglio il glutine, con migliori risultati nei test rispetto ai soggetti del gruppo di controllo; hanno accusato minori infiammazioni e meno danni alla parete intestinale”, ha spiegato Daveson in una relazione ad un convegno della Settimana della gastroenterologia, in corso a Sydney. Una rigorosa dieta senza glutine e’ finora l’unica terapia che garantisce al celiaco un buono stato di salute. Altrimenti il sistema immunitario lo combatte come un invasore nemico’ e gli anticorpi attaccano le pareti intestinali, causando problemi che vanno dalla diarrea cronica al cancro. Lo studioso ha spiegato che la ricerca si e’ basata sulla teoria secondo cui il sistema immunitario ha bisogno di essere esposto ad organismi estranei, per funzionare bene. Diversi studi hanno mostrato un legame fra gli alti standard di igiene ed il numero crescente di malattie autoimmuni. ”L’uomo si e’ evoluto insieme con essi, eppure abbiamo sterilizzato il nostro mondo cosi’ bene che non abbiamo piu’ vermi nel nostro intestino. Alcuni esperti ritengono che questa sia una delle ragioni per cui assistiamo ad una crescita allarmante di disturbi auto immuni come la celiachia, ma anche l’asma e la sclerosi multipla”, ha aggiunto. I vermi usati nella sperimentazione convivono solo con l’uomo, e non sono facilmente trasmissibili da persona a persona. Dopo la sperimentazione di 21 giorni, ai volontari e’ stata offerto un trattamento per liberasi dei parassiti, ma tutti hanno scelto di continuare ad ospitarli. (ANSA).


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi