Retina artificiale: progetto in …

Un polimero conduttore è …

Sindrome di Down: ottenuto il pr…

La speranza è che le nuov…

Trapianti: come il laser rinnova…

In Italia si contano circ…

Sativex, cannabis terapeutica, a…

Il “Sativex" disponibile …

Sindrome delle gambe senza ripos…

Un team internazionale di…

Distrofia di Duchenne: arrivano …

[caption id="attachment_1…

Polmonite: trova terreno fertile…

Una progressione molt…

AL VIA LA MEDTRONIC DIABETES JUN…

AL VIA LA MEDTRONIC DIA…

Pronto Soccorso per emergenze e …

Ogni caso viene gestito i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fecondazione assistita: sdraiate per aumentare i casi di successo

Dopo un’inseminazione artificiale, le possibilita’ di rimanere incinte aumentano del 50 per cento se si rimane sdraiate per 10 minuti.

Lo ha scoperto uno studio condotto in Olanda su 400 coppie, pubblicato sul British Medical Journal: il 27 per cento delle donne che erano rimaste distese in seguito a intervento di inseminazione avevano concepito, rispetto al 18 per cento di quelle che non l’avevano fatto.



A tutte le donne che intraprendono interventi di inseminazione intrauterina dovrebbe essere data la possibilita’ di rimanere sdraiate per qualche decina di minuti”, ha spiegato Inge Custers dell’Academic Medical Center di Amsterdam, ricercatore a capo dello studio. “Sappiamo che per le donne che soffrono di infertilita’, avere il 50 per cento in piu’ di possibilita’ di concepire e’ gia’ un grande vantaggio. Se questa pratica potesse essere applicata con successo nelle cliniche, a molte coppie sarebbero risparmiati i trattamenti invasivi di inseminazione, a cui si ricorre per aumentare le possibilita’ di rimanere incinte”. Custers ha detto che “non e’ sicuro se rimanere sdraiati in seguito a un rapporto sessuale abbia simili effetti, tuttavia, di certo non puo’ far male”. Altri esperti di fertilita’, tuttavia, invitano a prendere con le pinze il risultato di Custers e colleghi. “Questo studio non ha dato risultati molto chiari, ne’ ha preso in considerazione alcuni fattori come i medicinali utilizzati”, ha detto William Ledger della Sheffield University (Gran Bretagna). Lo studio si basa sul concetto intuitivo che la gravita’ dovrebbe aiutare il concepimento, “ma c’e’ bisogno di altri studi che confermino il risultato prima di poterlo dichiarare con certezza”, ha concluso.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi