Infiammazioni controllate da dif…

Le infiammazioni sono con…

Dengue: si parla molto della zan…

[caption id="attachment_6…

Malattie renali: nuovi studi fan…

[caption id="attachment_7…

Melanoma: il gene dei "rossi" ne…

Il pigmento della pel…

Sclerosi Multipla: casi in aumen…

I casi di sclerosi multip…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Emofilia: quel gene difettoso ch…

Risultati duraturi a 5 an…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

I rischi di trasmissione cancro dalla mamma al feto

feto di otto settimane

feto di otto settimane

Il tumore puo’ essere trasmesso da madre a figlio nel corso della gravidanza. Casi di cellule tumorali passate al feto ancora nel pancione erano stati gia’ documentati in passato, ma non ancora confermati a livello sperimentale. Il team di Mel Graves dell’Institute of Cancer Research del Surrey (GB) e Takeshi Isoda dell’Universita’ di Tokyo (Giappone), ha usato un sistema di tracciatura genetica per trovare le prove di questa trasmissione tumorale materno-fetale, come si legge in uno studio su ‘Pans’. Ipotizzando anche il ‘trucco’ genetico usato dalle cellule del tumore per aggirare le difese immunitarie del feto. La ricerca, finanziata dal ministero della Salute nipponico, ha esaminato il caso di una donna di 28 anni che si era ammalata di leucemia poco dopo aver partorito: anche la sua piccola a 11 mesi ha sviluppato lo stesso tipo di cancro.
Un’analisi genetica ha rivelato che le cellule tumorali della neonata erano il clone di quelle della leucemia materna. Successivi test sulle cellule del sangue della piccina, prelevate per un esame di routine dopo il parto, hanno mostrato che la bambina presentava cellule tumorali gia’ alla nascita. Ulteriori analisi genetiche quindi hanno rivelato che le cellule leucemiche materne erano prive di una regione del Dna che le avrebbe rese riconoscibili come ‘invasori’, e avrebbe portato alla loro eliminazione da parte del sistema immunitario della bimba. I ricercatori ipotizzano che questa caratteristica genetica sia in realta’ l’arma che consente alle cellule tumorali di aggirare la barriera placentare, e sfuggire al ‘radar’ del sistema immunitario.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!