CCSVI: Metodo Zamboni, parte la …

Lo specialista ha ipotizz…

Grasso addominale in eccesso: au…

Le persone con una quan…

Il caffè assunto anche molte ore…

Secondo un nuovo studio i…

Il tam tam sull’incontinenza aiu…

Un interessante dibattito…

Brachiterapia efficace contro ca…

La brachiterapia e' solit…

Il modello 'animale' in laborato…

[caption id="attachment_5…

Gel innovativo in grado di favor…

Un gruppo di ricercatori…

L'importanza del sonno: le ripar…

Scienziati scoprono c…

Chemioterapia: psicofaramaco ha …

Uno psicofarmaco si e' ri…

Alito cattivo: tabù per un itali…

Più di un italiano su…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanosensori a caccia di proteine marcatrici tumorali

Los Angeles, 14 ott. – Nuovi sensori nanotecnologi messi a punto dall’Universita’ di Stanford promettono di rivoluzionare la diagnostica clinica dei tumori. I nuovi sensori sono infatti almeno mille volte piu’ potenti e sensibili dei normali sistemi diagnostici utilizzati nella clinica per la scoperta dei tumori.

Inoltre questi nuovi sensori sono in grado di individuare i marcatori tumorali in una gamma tre volte piu’ ampia delle tecnologie attualmente utilizzate. In tutto sono circa 64 le diverse proteine che possono essere individuate anche a bassissime concentrazioni. I dettagli sui meccanismi di funzionamento dei nuovi biosensori sono stati resi noti in due diversi articoli pubblicati sulla rivista proceedings of the National Academy of Science e su nature Medicine. “Nelle primissime fasi di sviluppo di un tumore la concentrazione dei biomarcatori e’ molto bassa – ha spiegato il principale autore della ricerca, Shan Wang – per cui abbiamo bisogno di strumenti molto sensibili per poter individuare la malattia. E se si riesce ad individuarla in maniera tempestiva abbiamo la possibilita’ di intervenire tempestivamente e di avere piu’ chance di curarla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: