Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

Disturbi del sonno: potrebbe ess…

Studio della Harvard Medi…

Morte neuronale: il ruolo crucia…

La comprensione del ruolo…

La memoria e le capacità rievoca…

Il migliore fattore predi…

Tumori prostatici: nanoparticell…

Una nuova strategia che, …

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Medicina rigenerativa: cellule e…

[caption id="attachment_8…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Farmaci innovativi sul territori…

Roma, 6 novembre 2014. “A…

Cancro: terapia col virus "Rigvi…

Stranamente, i malati di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nanosensori a caccia di proteine marcatrici tumorali

Los Angeles, 14 ott. – Nuovi sensori nanotecnologi messi a punto dall’Universita’ di Stanford promettono di rivoluzionare la diagnostica clinica dei tumori. I nuovi sensori sono infatti almeno mille volte piu’ potenti e sensibili dei normali sistemi diagnostici utilizzati nella clinica per la scoperta dei tumori.

Inoltre questi nuovi sensori sono in grado di individuare i marcatori tumorali in una gamma tre volte piu’ ampia delle tecnologie attualmente utilizzate. In tutto sono circa 64 le diverse proteine che possono essere individuate anche a bassissime concentrazioni. I dettagli sui meccanismi di funzionamento dei nuovi biosensori sono stati resi noti in due diversi articoli pubblicati sulla rivista proceedings of the National Academy of Science e su nature Medicine. “Nelle primissime fasi di sviluppo di un tumore la concentrazione dei biomarcatori e’ molto bassa – ha spiegato il principale autore della ricerca, Shan Wang – per cui abbiamo bisogno di strumenti molto sensibili per poter individuare la malattia. E se si riesce ad individuarla in maniera tempestiva abbiamo la possibilita’ di intervenire tempestivamente e di avere piu’ chance di curarla”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi