Neurochimica del "cuore": una ri…

Un team di ricercatori ci…

Sindrome metabolica: la prevenzi…

L'abitudine di fare una c…

Staminali: metodo che isola cell…

Sviluppato un nuovo metod…

Naso migliore nell'uomo moderno

Un team di scienziati fin…

Sclerosi Multipla progressiva: u…

Una molecola da speriment…

Vitamina C e beta-carotene per c…

Possono la vitamina C e i…

CAPS – Febbri Periodiche Associa…

Campagna promossa da AIFP…

Medicina Rigenerativa: le stamin…

[caption id="attachment_9…

Tumori: curare la depressione mi…

Centinaia di malati di ca…

Alzheimer: ingredienti ad hoc ch…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il seme maschile e le peculiarità poco conosciute

Una sostanza contenuta nel fluido spermatico sembra celare il segreto della longevita’. E potrebbe essere usata per combattere malattie legate agli anni che avanzano, come l’Alzheimer. Lo hanno detto i ricercatori austriaci dell’Universita’ di Graz, illustrando i risultati di una ricerca pubblicata su ‘Nature Cell Biology’. Il team di Tobias Eisenberg e Frank Madeo ha scoperto una sostanza, chiamata spermidina, che estende la durata della vita delle cellule immunitarie umane, ma anche dei topi, degli insetti, dei vermi e dei lieviti.
“Potremmo aver scoperto il Santo Graal della ricerca sull’invecchiamento” commenta Eisenberg, il cui studio ha coinvolto 29 colleghi in sei Paesi. Nei test condotti sui topi trattati con spermidina il danno cellulare legato all’eta’ si e’ ridotto, e gli studiosi pensano che la sostanza aumenti l’abilita’ della cellula di sbarazzarsi delle proteine danneggiate. Il risultato potrebbe essere utile per combattere malattie legate all’invecchiamento come l’Alzheimer e il Parkinson, spiega l’ateneo austriaco. La spermidina, presente in alte concentrazioni nel seme maschile, si trova anche in pompelmo, germe di grano e fagioli di soia

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x