Erdosteina ottiene la designazio…

Un significativo riconosc…

Dal CNR il ClopHensor, il biosen…

[caption id="attachment_8…

Osteoporosi: il 20 ottobre 'H-OP…

L’iniziativa, promossa da…

Rete neurale comune a tutti i ve…

A dispetto della vasta ga…

Il cervello scova la bugia in me…

CI VUOLE meno di un secon…

Tumori: nuovo test a basso costo…

Messa a punto una nuova m…

L'importanza del pH del sangue c…

[caption id="attachment_7…

Fecondazione assistita: 4.000 le…

Non si ferma il turismo d…

Alzheimer: ricerche portano scie…

Alcuni ricercatori riteng…

Nati prematuri: il contatto dell…

Ancora meglio dei farmaci…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Linfoma periferico a cellule T: approvato dall’FDA un trattamento

L’ente americano Food and Drug Administration ha approvato il farmaco biologico Pralatrexato (Folotyn), per il trattamento del linfoma periferico a cellule T, un tipo aggressivo di linfoma non Hodgkin. Il Pralatrexato, prodotto dall’azienda Allos Therapeutics, è l’unico trattamento esistente per la malattia. Per questo motivo il farmaco, avendo ottenuto la designazione di farmaco orfano, è andato incontro ad un processo di autorizzazione accelerato da parte dell’FDA.
Il Pralatrexato, che potrebbe essere commercializzato già nel mese di ottobre, è un analogo del folato che inibisce l’enzima diidrofolato reduttasi (DHFR), indispensabile per la crescita delle cellule in rapida proliferazione. Le sue indicazioni riguardano il trattamento del linfoma Hodgkin e non-Hodgkin (incluso il linfoma periferico a cellule T), il tumore del polmone non a piccole cellule e il tumore della vescica.

Assobiotec

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi