Malattie autoimmuni: trattamento…

Una pianta cinese dalle c…

Alimentazione sana, lotta all’ob…

La dieta è elemento fonda…

Osteoporosi: aiuto da una protei…

I pazienti affetti da ost…

Neo benigno o no, un test dall'U…

Valuta l'espressione di u…

Il licopene contenuto nei pomodo…

l rosso che salva dall'ic…

Nuovi pneumatici prodotti con go…

Versalis, società chi…

Mappatura del genoma di una cell…

Introducendo una fase di …

Cellule staminali dal liquido am…

Il liquido amniotico po…

Sonniferi: raddoppiano i rischi …

Assumere pillole per dorm…

Salute a rischio con l'esposizio…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Linfoma periferico a cellule T: approvato dall’FDA un trattamento

L’ente americano Food and Drug Administration ha approvato il farmaco biologico Pralatrexato (Folotyn), per il trattamento del linfoma periferico a cellule T, un tipo aggressivo di linfoma non Hodgkin. Il Pralatrexato, prodotto dall’azienda Allos Therapeutics, è l’unico trattamento esistente per la malattia. Per questo motivo il farmaco, avendo ottenuto la designazione di farmaco orfano, è andato incontro ad un processo di autorizzazione accelerato da parte dell’FDA.
Il Pralatrexato, che potrebbe essere commercializzato già nel mese di ottobre, è un analogo del folato che inibisce l’enzima diidrofolato reduttasi (DHFR), indispensabile per la crescita delle cellule in rapida proliferazione. Le sue indicazioni riguardano il trattamento del linfoma Hodgkin e non-Hodgkin (incluso il linfoma periferico a cellule T), il tumore del polmone non a piccole cellule e il tumore della vescica.

Assobiotec

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x