Patologie cardiache: un amminoac…

Un molecola "sentinella" …

Emorragia subaracnoidea, fumo e …

Il fumo, la pressione alt…

Sindrome da deficit di attenzion…

La sindrome da deficit di…

Ansia: scoperta una sostanza dir…

[caption id="attachment_6…

Uso delle cellule staminali per …

Nel campo della Medicina …

Longevità: sono i telomeri a det…

Una  ricerca sul diamante…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Scienziati mettono in guardia da…

Nuove scoperte fatte da u…

Fare rete per fare innovazione n…

Giovedì 22 settembre, per…

TBC: vicini alla realizzazione d…

Scoperto un nuovo po…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Merck Serono sponsor ufficiale del Convegno Terza Eta’

merck

 

I progressi della ricerca medica per il miglioramento dell’aspettativa

e della qualità di vita


Roma, 22 ottobre 2009 – Merck Serono, divisione di Merck KGaA (Darmstadt, Germania), è lo sponsor ufficiale del Convegno Terza Età che si tiene oggi a Roma.

Nel corso dell’incontro verrà dedicata particolare attenzione ai fattori che hanno portato ad un miglioramento significativo dell’aspettativa e della qualità di vita. In particolare, nel corso del pomeriggio il Professor Roberto Labianca, Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia degli Ospedali Riuniti di Bergamo, illustrerà i progressi compiuti in medicina, affrontando il tema de “La personalizzazione delle terapie nel cancro: il caso del colon-retto”.


Negli ultimi anni, infatti, nel campo della ricerca oncologica sono stati raggiunti importanti risultati: abbiamo assistito, ad esempio, ad una vera e propria rivoluzione nell’approccio terapeutico al cancro, grazie all’introduzione degli anticorpi monoclonali, frutto dell’ingegneria genetica e della biologia molecolare.


Merck Serono, impegnata da più di 25 anni nell’ambito delle patologie oncologiche, ha sviluppato un anticorpo monoclonale, Cetuximab, in grado di inibire l’attivazione inappropriata del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR), responsabile della crescita e proliferazione delle cellule tumorali.

In particolare, nel tumore metastatico del colon retto, Merck Serono ha dimostrato che è possibile selezionare in anticipo i pazienti che possono maggiormente beneficiare di questo trattamento, attraverso un test genetico, il test del KRAS. Questo permette di trattare il paziente con una terapia personalizzata sulle caratteristiche del suo tumore.

Nel trattamento di prima linea nei pazienti colpiti da tumore metastatico del colon retto con KRAS non mutato, l’uso dell’anticorpo monoclonale Cetuximab in associazione con la chemioterapia standard, ha dimostrato un aumento significativo della sopravvivenza e della risposta tumorale. Inoltre, nei pazienti con metastasi limitate al fegato, questo incremento nel tasso di risposta può consentire in alcuni casi la resecabilità completa del tumore, e, pertanto, una possibilità di cura.



Ufficio Stampa Merck Serono

GAS Communication srl

Tel 06.68 13 42 60 – Fax 06 68 13 4876

Francesca Rossini – Francesca Kropp

f.rossini@gascommunication.com

f.kropp@gascommunication.com

1 comment

  1. Pingback: Un anticorpo contro le metastasi ossee | speciale in Liquida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: