Batteri intestinali: dividono la…

Si chiamano "enterotipi",…

Nascituri pretermine a rischio a…

I bambini che sono nati p…

Stress post-traumatico: affronta…

Un nuovo studio condotto …

Gilead annuncia le percentuali d…

SVR12 nel 96% dei pazient…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

SLA: scoperti punti deboli studi…

Alcuni studiosi american…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore della laringe: un interve…

[caption id="attachment_7…

“Update On Pain”: l’aggiornament…

Minorca, 09 Maggio 2014 –…

Nuovi protocolli di conservazion…

I senologi di tutto il mo…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nel grasso del pesce un potente antinfiammatorio

Scoperto un segreto che si nasconde dietro gli effetti benefici del pesce per la salute: alcuni dei suoi grassi omega 3 vengono trasformati dal nostro corpo in una sostanza antinfiammatoria potentissima, la Resolvina D2, che protegge contro l’artrite reumatoide e potrebbe essere utile anche contro altre malattie, perche’ non presenta gli stessi effetti collaterali dei farmaci antinfiammatori oggi in uso.



La scoperta si deve al farmacologo italiano Mauro Perretti, che lavora alla Queen Mary University di Londra, in uno studio condotto in collaborazione con la Harvard Medical School di Boston e pubblicato sulla rivista Nature. L’esperto ha scoperto che il grasso omega 3 chiamato ‘DHA’ viene trasformato dal nostro corpo in questa molecola, la resolvina D2, di cui poi il team di farmacologi ha studiato in dettaglio i meccanismi d’azione. Ne e’ emerso che la molecola impedisce l’attivazione dei processi infiammatori nei vasi sanguigni, inducendo le cellule delle pareti dei vasi (endoteli) a produrre un inibitore del processo infiammatorio.
La resolvina D2 e’ apparsa potentissima, ne bastano piccole dosi per ottenere un effetto antinfiammatorio notevole, inoltre non ha gli effetti collaterali tipici dei farmaci antinfiammatori e quindi potrebbe essere usata contro molte malattie i cui processi biologici sono legati all’infiammazione, come artrite reumatoide, ictus e setticemia.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: