Nuovo metodo per ottenere progen…

La notizia della scoperta…

FIMP, FIMMG e SUMAI, esprimono u…

I sindacati della medic…

Il carboidrato "buono" e la cart…

Dio salvi gli spaghet…

Rimanere in forma per tutta la v…

Un numero sempre magg…

Diabete: scoperte differenze raz…

Gli operatori sanitari de…

SLA: occorre un'azione mirata su…

Pubblicato sugli Annals o…

Allarme melanoma: casi raddoppia…

E' allarme melanoma nel n…

Tubercolosi: vitamina D migliora…

La vitamina D miglior…

Stress eccessivo genera spesso d…

Molti pazienti con una di…

Carico glicemico, carboidrati e …

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

‘Nuove’ staminali ribaltano l’origine del colore della pelle

cellule pigmentanti

cellule pigmentanti

Il ‘colore’ della pelle potrebbe dipendere da un ‘nuovo’ tipo di staminali. E’ quanto emerge dallo studio pubblicato su Cell dai ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, in Svezia, che hanno scoperto le cellule responsabili del pigmento ipodermico.

La pigmentazione cutanea e’ dovuta all’azione della melanina, una sostanza prodotta dalle cellule epidermiche chiamate melanociti che, finora, si riteneva fossero generate dal feto durante la gestazione.
Gli studiosi hanno invece scoperto che i melanociti sono presenti anche negli adulti e si sviluppano da un tipo di cellule immature che si trovano nelle fibre nervose della pelle, chiamate cellule precursori di Schwann, le quali, a loro volta, sarebbero un diverso un tipo di staminali. ‘Il nostro studio – spiega Patrik Ernfors, docente del Karolinska Institutet – fornisce nuove informazioni sui cambiamenti nella pigmentazione della pelle e puo’ aiutarci a comprendere lo sviluppo di patologie importanti quali il melanoma’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi