Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Schizofrenia: farmaco sperimenta…

Un farmaco antitumorale s…

Nei mancini il rischio psicosi è…

Una brutta notizia per i …

Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Sclerosi Multipla e CCSVI: al vi…

È partito anche a Reggio …

SLA: nuovi studi sul gene FUS, e…

Gli aggregati proteici ti…

Dal CHMP una misura di cautela …

Roma, 26 gennaio 2015 - I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Paternita’ in eta’ avanzata e rischi di malattie genetiche nei figli

La paternita’ in eta’ avanzata fa aumentare il rischio di malattie genetiche nei figli. La ragione e’ la presenza di piccoli tumori testicolari, innocui di per se’ ma capaci di passare mutazioni genetiche agli spermatozoi, che si accumulano con l’avanzare dell’eta’.

spermatozoo penetra l'ovulo

spermatozoo penetra l'ovulo

Lo hanno scoperto i ricercatori della Oxford University in Gran Bretagna, che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Nature Genetics. “I piccoli tumori testicolari sono noti come seminoma spermocitici, e sono costituiti da piccoli gruppi di cellule mutanti che si accumulano col tempo”, ha spiegato Andrew Wilkie, ricercatore a capo dello studio. “Di per se’ sono come i nei della pelle, innocui. Tuttavia – ha continuato – essendo localizzati nei testicoli, influenzano il corretto sviluppo dello sperma, mettendo i figli a rischio di malattie genetiche”.
Lo studio di Wilkie e colleghi non e’ l’unico a scoprire che non e’ solo la donna a doversi preoccupare di fare figli in eta’ avanzata. “La qualita’ dello sperma decresce di molto con la vecchiaia. Uno studio israeliano ha scoperto che chi diventa padre oltre i 40 anni aumenta il rischio di autismo nei suoi figli di 6 volte”, ha detto Wilkie. “Un altro studio ha dimostrato che per ogni 5 anni di eta’ addizionali, il rischio di autismo e schizofrenia aumenta del 3,6 per cento. Il nostro studio – ha concluso – ci fornisce un’altra evidenza di questo fenomeno”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi