Fibrillazione atriale: a rischio…

Le persone ad alto rischi…

Infarto: l'ottimismo è alla base…

Buonumore arma migliore p…

Quinto gusto, e i benefici sulla…

La possibilita' di gustar…

Health Technology Assessment: un…

Roma, 9 maggio – La sed…

Ablazione della vena safena in r…

[caption id="attachment_8…

Bambini stranieri nelle scuole i…

La Società Italiana di Pe…

Ipertensione: cellule manipolate…

[caption id="attachme…

Area cerebrale del "bluff", dire…

Quando dobbiamo affrontar…

La carie, un problema di sanità …

Milano, 29 settembre 2014…

Cellulari e tumore ai testicoli:…

Uno studio assolve i tele…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccinazione contro il Papillomavirus umano : l’effettiva capacità di prevenire le patologie genitali

HPV - virus

HPV - virus

“I parametri per valutare l’efficacia della vaccinazione contro il Papillomavirus umano (HPV) si devono basare sull’effettiva capacità di prevenire le patologie genitali correlate al virus. Oggi grazie a questa vaccinazione e all’implementazione dei programmi regionali possiamo efficacemente prevenire molte patologie correlate a questo virus. Entrambi i vaccini disponibili, il bivalente e il quadrivalente, sono efficaci nel prevenire oltre il 70% delle forme di cancro del collo dell’utero. Il vaccino quadrivalente protegge anche dalle lesioni precancerose di vulva e vagina e dai condilomi (verruche) genitali ”. A fare il punto sulle patologie HPV correlate e la loro prevenzione è il prof Giancarlo Icardi, responsabile del dipartimento d’Igiene presso l’Università degli studi di Genova, nell’ambito dell’XI Congresso nazionale della Società Italiana d’Igiene (SITI) in corso a Napoli.

Studi clinici hanno evidenziato che il vaccino quadrivalente anti HPV, Gardasil®, è l’unico in grado di prevenire le patologie causate dai tipi di Papillomavirus 6, 11, 16 e 18 con un’efficacia prossima al 100% mantenuta fino a quasi 10 anni nello studio iniziale ‘proof of principle’ . Inoltre, un recente studio, pubblicato sul Lancet, ha dimostrato che il vaccino quadrivalente è altamente efficace nelle donne fino a 45 anni.

A ciò si aggiungono i dati provenienti da uno studio australiano che dimostrano come in una popolazione estesamente vaccinata con il vaccino quadrivalente (come avvenuto in Australia), si è assistito ad una riduzione di quasi il 50 per cento delle nuove diagnosi di condilomatosi genitale (verruche o creste di gallo) in un solo anno dall’avvio della vaccinazione. Questi sono i primi risultati dalla “vita reale” a conferma dei benefici ottenibili con il vaccino quadrivalente. “Un dato molto interessante che ci dà immediata visione delle indicazioni di efficacia di questa vaccinazione – afferma la prof.ssa Barbara Suligoi, epidemiologa Direttore del Centro Operativo AIDS presso l’Istituto Superiore di Sanità.- Il dato australiano è il primo a dimostrare l’efficacia di riduzione di una patologia HPV correlata, nella vita reale”.

Ad oggi tutte le regioni vaccinano gratuitamente le ragazze di 12 anni e solo in alcune l’offerta gratuita è stata estesa anche ad altre fasce d’età. Ma l’iniziativa più importante messa in atto da alcune Regioni è quella del ‘social price’: una misura che consente a tutte le donne fino a 26 anni, che non rientrano nelle fasce di gratuità, di accedere alla vaccinazione presso le ASL pagando circa 1/3 del prezzo praticato in farmacia.

“La Società Italiana d’Igiene si fa portatrice da tempo di questo messaggio a favore dell’implementazione di un prezzo agevolato presso le ASL per tutte le donne fino a 26 anni; ciò favorirebbe il raggiungimento di elevate coperture vaccinali nel rispetto degli obiettivi della sanità pubblica e garantirebbe alle donne la libertà di scelta per la tutela della propria salute”, aggiunge il prof. Carlo Signorelli, vice presidente della SITI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: