Sclerosi multipla: il ruolo fond…

Uno studio italiano finan…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

L'emoglobina: una riserva di oss…

Una ricerca sul Parkinson…

Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Glioblastoma: dagli Stati Uniti …

Lo ha utilizzato un ricer…

Alzheimer: se fosse una forma di…

A mettere in luce i mecca…

BOTULISMO E BOTULISMO INFANTILE:…

Presentata Indagine sulla…

Cure anticancro che espongono a …

Vari farmaci chemioterapi…

La prostata guarisce a Reggio Em…

L’urologia dell’Arcispeda…

Disfunzione erettile: 3 milioni …

Vive il proprio disagio c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino HIV: scienziati USA provano validita’ dei loro studi

Virus HIV B/W

Virus HIV B/W

I medici che hanno sorpreso il mondo della ricerca contro l’Aids con uno studio su un vaccino che impedirebbe alcune infezioni da Hiv, hanno comunicato i dettagli dei loro risultati a Parigi, dettagli pubblicati sul “New England Journal of Medicine”. Nella sperimentazione del nuovo vaccino si e’ impedito quasi un terzo delle infezioni ai 16 mila volontari thailandesi. “Questi sono risultati validi”, ha detto il dottor Jerome Kim, colonnello dell’esercito americano che ha aiutato nei trial, al Walter Reed Army Institute of Research del Maryland.
Il vaccino contro l’Aids e’ una combinazione di Sanofi-Pasteur Alvac canary pox/vaccino contro l’Hiv e il vaccino contro l’Hiv Aidsvax, fatta da una societa’ di San Francisco chiamato VaxGen e ora di proprieta’ della societa’ senza scopo di lucro Global Solutions per le malattie infettive. La sperimentazione e’ stata sponsorizzata dal governo degli Stati Uniti e dal ministero della Sanita’ della Thailandia, con l’obiettivo di ridurre il rischio di infezione da 31,2 per cento in tre anni, secondo una analisi dei dati. Il team di Kim ha sottolineato che l’effetto comunque e’ stato modesto e che per questo il vaccino non e’ ancora pronto per essere commercializzato e che non potra’ essere pronto per l’Africa, dove l’Aids e’ piu’ comune. Giorni dopo l’annuncio dei risultati dei trial dell’equipe di Kim, a Bangkok, alcuni ricercatori, citati dalla rivista “Science” e “The Wall Street Journal” hanno messo in dubbio i metodi statistici del nuovo vaccino, sostenendo che lo studio di Kim era debole.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi