La coesione di specie batteriche…

[caption id="attachme…

Un nuovo antigene attivato chimi…

[caption id="attachme…

HIV: promettente gel che inibisc…

Un nuovo gel microbiocida…

Istituto tumori: fumo nuoce alle…

Anche in spiaggia st…

Arteriosclerosi: un pomodoro, ge…

Per la prima volta un po…

Influenza A: timosina per amplif…

[caption id="attachme…

Barriere coralline: un sano equi…

Le barriere coralline son…

Ebola: arriva invito a cautela s…

Ieri, la notizia del sier…

Crescita dei capelli: individuat…

Buone notizie per gli uom…

Umberto Veronesi e progetto Cosm…

Veronesi lancia il mega p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Arti inferiori doloranti e possibili patologie cardiache: uno studio ne convalida la relazione

Secondo i medici dell’Università di Alberta a Edmonton (Canada) quando si avvertono dolori molto forti alle gambe, magari durante una passeggiata o in altre situazioni è bene farsi subito fare una visita di controllo perché potrebbe trattarsi di un sintomo che nasconde una patologia pericolosa perché mette a rischio di malattie cardiache o ictus.

diagramma e placche che causano la malattia arteriosa periferica (PAD)

diagramma e placche che causano la malattia arteriosa periferica (PAD)


Si tratta della cosiddetta PAD, ovvero la malattia arteriosa periferica causata da depositi di placca sulle pareti delle arterie che le restringono e riducono il flusso sanguigno. Questo fenomeno rispecchia quello che accade alle arterie di cuore e cervello, e il blocco causato sia da un accumulo di placca o da un coagulo di sangue può innescare un attacco di cuore o l’ictus, fa notare il dr. Tsuyuki Ross.



Tutte le persone con più di 40 anni che possono avere di questi sintomi sono invitate a sottoporsi al test per la PDA che, ricordano i medici, è molto semplice da eseguire. In particolare è suggerito ai diabetici, alle persone in sovrappeso, a chi ha il colesterolo alto, a chi ha il vizio del fumo e dell’alcol e in genere a tutti coloro che sono a rischio malattie cardiache e ictus.
C’è da far presente che a volte la PDA può essere asintomatica o i sintomi sono lievi e tali da fra credere che si tratti solo di semplici dolori “da vecchiaia” ma, avvertono gli scienziati, non è da prendere sottogamba.
In questo studio, i ricercatori hanno sottoposto a test per la PDA 362 volontari di età superiore ai 50 anni. Dalle analisi sono stati scoperti 17 casi di PDA di cui la maggioranza delle persone era inconsapevole.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x