Uno scheletro di due milioni di …

[caption id="attachment_6…

La diagnosi delle malattie genet…

Da settembre anche in…

Pandemia, via aerea è una realtà…

Uno studio computazionale…

Al via la campagna "DIREFARECUOR…

Campobasso è la prima del…

Boehringer Ingelheim inizia uno …

Primo studio registra…

Congresso Unificato Salute ripro…

Quattrocento esperti dell…

Trapianti rene: dialisi peritone…

I pazienti in terapia co…

Gli oncologi si pronunciano circ…

Mirtilli e melanzane anti…

Luce blu che funziona per restar…

Una soffusa luce blu che …

Obesità e diabete: meno rischio …

Prevenire obesità e diabe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Arti inferiori doloranti e possibili patologie cardiache: uno studio ne convalida la relazione

Secondo i medici dell’Università di Alberta a Edmonton (Canada) quando si avvertono dolori molto forti alle gambe, magari durante una passeggiata o in altre situazioni è bene farsi subito fare una visita di controllo perché potrebbe trattarsi di un sintomo che nasconde una patologia pericolosa perché mette a rischio di malattie cardiache o ictus.

diagramma e placche che causano la malattia arteriosa periferica (PAD)

diagramma e placche che causano la malattia arteriosa periferica (PAD)


Si tratta della cosiddetta PAD, ovvero la malattia arteriosa periferica causata da depositi di placca sulle pareti delle arterie che le restringono e riducono il flusso sanguigno. Questo fenomeno rispecchia quello che accade alle arterie di cuore e cervello, e il blocco causato sia da un accumulo di placca o da un coagulo di sangue può innescare un attacco di cuore o l’ictus, fa notare il dr. Tsuyuki Ross.



Tutte le persone con più di 40 anni che possono avere di questi sintomi sono invitate a sottoporsi al test per la PDA che, ricordano i medici, è molto semplice da eseguire. In particolare è suggerito ai diabetici, alle persone in sovrappeso, a chi ha il colesterolo alto, a chi ha il vizio del fumo e dell’alcol e in genere a tutti coloro che sono a rischio malattie cardiache e ictus.
C’è da far presente che a volte la PDA può essere asintomatica o i sintomi sono lievi e tali da fra credere che si tratti solo di semplici dolori “da vecchiaia” ma, avvertono gli scienziati, non è da prendere sottogamba.
In questo studio, i ricercatori hanno sottoposto a test per la PDA 362 volontari di età superiore ai 50 anni. Dalle analisi sono stati scoperti 17 casi di PDA di cui la maggioranza delle persone era inconsapevole.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!