Osteoporosi: implacabile detratt…

Con il 23 per cento delle…

Diabete: arriva l'ormone insulin…

Insulina in polvere da …

AIDS: Inizia la sperimentazione …

Al via su 200 volontari l…

Malattie cardiovascolari: scoper…

Un gruppo di ricercatori …

Immunodeficienze primitive diagn…

Solo la diagnosi precoce …

Fatti vedere gli occhi!

Ottobre è il mese del…

Virus H1N1: cosa ha reso letale …

[caption id="attachment_1…

Scoperti pattern di variazioni g…

[caption id="attachment_2…

Scoperta nuova malattia genetica…

Non ha un nome, ma ha già…

cellule nervose: nuovi traguardi…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nuove terapie per la cura dei tumori del sangue

Roma, 3 nov – ”Nuovi farmaci e trapianto con cellule staminali emopoietiche per la cura delle patologie oncoematologiche dell’anziano” e’ il tema del Congresso internazionale che si apre giovedi’ 5 novembre 2009 presso l’Aula Brasca del Policlinico universitario ”Agostino Gemelli” di Roma.

cellule staminali emopoietiche

cellule staminali emopoietiche


Il congresso, che si concludera’ sabato 7 novembre, e’ promosso dall’Istituto di Ematologia dell’Universita’ Cattolica di Roma e dal Dipartimento di Scienze Gerontologiche, geriatriche e fisiatriche del Policlinico Gemelli, in collaborazione con il Moffitt Cancer Research Center dell’Universita’ di Tampa (USA), dove operano due ricercatori italiani, il prof. Lodovico Balducci, laureatosi alla Cattolica di Roma e attualmente direttore del Programma Oncologico dei pazienti anziani, e il prof. Claudio Anasetti che, dopo una lunga esperienza al Fred Hutchinson Cancer Research di Seattle, e’ stato chiamato a dirigere il Programma ”Trapianti di Cellule Staminali Emopoietiche”.

Presidenti del congresso sono i docenti Giuseppe Leone, ordinario di Ematologia, e Roberto Bernabei, ordinario di Gerontologia e Geriatria dell’Universita’ Cattolica di Roma.

Il congresso vedra’ riuniti esperti di fama internazionale per condividere protocolli diagnostico terapeutici e novita’ scientifiche in ambito ematologico e per mettere a confronto i risultati ottenuti nelle patologie oncoematologiche dell’anziano, quali leucemie, mielomi, linfomi, tumori della mammella e dell’ovaio, con le piu’ recenti terapie farmacologiche, alcune delle quali veramente innovative come gli inibitori delle tirosinchinasi, con i risultati ottenuti con i trapianti di cellule staminali emopoietiche, un tempo riservati ai soggetti giovani, ma attualmente possibili anche in soggetti ultra sessantenni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi