Infiammazioni controllate da dif…

Le infiammazioni sono con…

Dengue: si parla molto della zan…

[caption id="attachment_6…

Malattie renali: nuovi studi fan…

[caption id="attachment_7…

Melanoma: il gene dei "rossi" ne…

Il pigmento della pel…

Sclerosi Multipla: casi in aumen…

I casi di sclerosi multip…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Emofilia: quel gene difettoso ch…

Risultati duraturi a 5 an…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: piccole neoplasie al seno, dati ottimistici IEO e discriminanti per corretto intervento.

Tumori al seno piu’ piccoli di un centimetro con linfonodi sani: la vittoria contro la neoplasia e’ indipendente dalla presenza del recettore ”cattivo” Her2, che invece e’ discriminante per quanto riguarda il rischio di recidive, che comunque sono quasi sempre curabili.



E i piccoli tumori si riescono a ”battere” sempre piu’ spesso, e il rischio di ripresa della malattia e’ sempre piu’ basso.
A sostenerlo i ricercatori dello IEO (Istituto Europeo di Oncologia) guidati da Giuseppe Curigliano, vice direttore della Divisione di Oncologia medica dell’istituto, che hanno scoperto che i tumori al seno di diametro inferiore al centimetro e non diffusi ai linfonodi hanno in generale basso rischio di ripresa di malattia, e che tuttavia il rischio di recidiva locale e’ superiore se sulla membrana delle cellule e’ presente il recettore Her2. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista internazionale Journal of Clinical Oncology. I risultati sono arrivati dopo una ricerca, durata otto anni, in cui lo IEO – il centro che ha la casistica di tumore al seno piu’ ampia al mondo – ha analizzato un gruppo di 2130 donne operate per tumore al seno di diametro inferiore al centimetro con i linfonodi sani. Sulla base delle scoperte effettuate sono anche emersi nuovi approcci farmacologici per le pazienti che hanno subito l’asportazione del tumore al seno piu’ piccolo di un centimetro: dai risultati della ricerca emerge che le riprese di malattia sono state pochissime, 7 in tutto su 2130 casi, di cui 5 locali e 2 sole metastasi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!