Tosse: individuato un nuovo rece…

[caption id="attachment_1…

Se i tagli si applicano meccanic…

Roma, 3 marzo 2015 - E’ s…

Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Una proteina a protezione del ce…

Si chiama retinoblastoma …

Tumori: tracciati i rischi delle…

Esplorati in un complesso…

Depressione: sviluppato uno spra…

Un gruppo di ricercatori …

PSA: esame dal quale si ottengon…

I possibili benefici e r…

Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

Settimana europea della vaccinaz…

In Italia la copertu…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fertilita’ femminile: dal 2010 un test potra’ determinarne la durata biologica

Dal 2010 le donne potranno avere a disposizione un test che legge il loro “orologio biologico”: i ricercatori del Center for Human Reproduction di New York sperano di mettere a punto, entro un anno, un sistema capace di sapere fino a quando una donna sarà fertile e se è a rischio di menopausa precoce.

Conoscere in anticipo il proprio destino biologico offrirà alle eventuali mamme “a rischio” di decidere di anticipare la gravidanza o congelare alcune uova per aumentare le possibilità di concepimento future.
Il test si baserebbe sull’individuazione di un gene che sembrerebbe predire il tasso con cui una donna perde le proprie uova. Una donna, infatti, nasce con 1-2 milioni di ovociti, che nella pubertà diminuiscono già a circa 400mila. Calo che diviene ancor più brusco dopo i 35 anni e fino alla menopausa. Nel 10% dei casi, però, un precoce invecchiamento ovario si verifica già entro i trent’anni. Ed è soprattutto in questi casi che il nuovo test sarà utile perché, come afferma Norbert Gleicher, del Center for Human Reproduction di New York, “il nuovo esame sarà in grado di predire l’invecchiamento precoce ovarico prima che accada, utilizzando un gene (denominato FMR1) già implicato nella invecchiamento riproduttivo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi