Robot origami: dal MIT una 'macc…

Da lontano sembra un bana…

AIDS: farmaco in grado di blocca…

Sviluppato un nuovo f…

H5N1: pubblicato lo studio che h…

Modificando geneticamente…

Diabete tipo 1: l'innovazione te…

Diabete tipo 1: l'innovaz…

BPCO: il CNR conferma la piena r…

I ricercatori del gruppo…

Trichomonas vaginalis: il nesso …

Il microrganismo favorire…

Alzheimer: la vitamina B, utile …

Assumere una pillola di …

Sindrome di Prader Wi: individua…

Un team di scienziati del…

Appendicite: antibiotici possono…

Dare antibiotici ai pazie…

CNR: spirometria, confermato il …

Lo screening precoce sui …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Glioblastoma: educare il sistema immunitario a riconoscere proteine cancerose

“Educare” il sistema immunitario fuori dal corpo, in vitro, a scovare e combattere le cellule portatrici della proteina marcatrice tumorale.

Trattare le cellule oncologiche come se fossero virus o batteri è una delle grandi aspirazioni mediche. L’idea è molto semplice: ‘istruire’ il sistema immunitario in modo che provveda a distruggerle.

TAC_glioblastoma

Cliccare sull'immagine per vederla in movimento

La Clinica Universitaria di Navarra sta reclutando 37 volontari per mettere in pratica quest’idea, applicandola su dei tumori più devastanti: il glioblastoma, malattia cerebrale che colpisce 2.400 persone, di cui solo il 5% sopravvive cinque anni. La tecnica consiste nel produrre vaccini individualizzati.

Non è facile da realizzare. Prima bisogna ottenere cellule sia del tumore sia del sistema immunitario del paziente. Poi devono essere coltivate insieme. In questa fase le cellule responsabili della difesa dell’organismo devono “imparare” a identificare le proteine che indicano la presenza del tumore. In seguito, devono essere re-iniettate nel malato, e bisogna sperare che il sistema immunitario apprenda a rilevare il cancro, ad attaccarlo e a distruggerlo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!