Cellule staminali "incapsulate" …

Cellule staminali 'incaps…

Analisi specifica svela la vita …

[caption id="attachment_8…

Ricostruzione della mammella arr…

[caption id="attachment_4…

Osservatorio influenza:Isolati i…

10 Marzo 2015. Alla fine …

La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

L’estate e le infezioni della pe…

Le patologie cutanee nei …

Fecondazione eterologa: sulla do…

“In qualità di società sc…

comunicato stampa urologia andro…

Presentata in diretta…

Tubercolosi: vaccino funziona su…

Un nuovo vaccino che comb…

La paura non è tutta "smistata" …

Per provare paura, l'amig…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Glioblastoma: educare il sistema immunitario a riconoscere proteine cancerose

“Educare” il sistema immunitario fuori dal corpo, in vitro, a scovare e combattere le cellule portatrici della proteina marcatrice tumorale.

Trattare le cellule oncologiche come se fossero virus o batteri è una delle grandi aspirazioni mediche. L’idea è molto semplice: ‘istruire’ il sistema immunitario in modo che provveda a distruggerle.

TAC_glioblastoma

Cliccare sull'immagine per vederla in movimento

La Clinica Universitaria di Navarra sta reclutando 37 volontari per mettere in pratica quest’idea, applicandola su dei tumori più devastanti: il glioblastoma, malattia cerebrale che colpisce 2.400 persone, di cui solo il 5% sopravvive cinque anni. La tecnica consiste nel produrre vaccini individualizzati.

Non è facile da realizzare. Prima bisogna ottenere cellule sia del tumore sia del sistema immunitario del paziente. Poi devono essere coltivate insieme. In questa fase le cellule responsabili della difesa dell’organismo devono “imparare” a identificare le proteine che indicano la presenza del tumore. In seguito, devono essere re-iniettate nel malato, e bisogna sperare che il sistema immunitario apprenda a rilevare il cancro, ad attaccarlo e a distruggerlo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!