Cancro: nuovi antitumorali estra…

I ricercatori del MIT (Ma…

Insufficienza renale: scienziati…

Un team internazionale di…

Urina contro puntura di meduse: …

L'urina e' stata a lungo …

Infezioni vie urinarie: l'odore …

Quando la pipi' del bimb…

Vaccino per stimolare la piena f…

Potrebbe abbassare il num…

L'ostacolo da superare: le difes…

[caption id="attachment_9…

AIDS: messa a punto una sostanza…

Messa a punto una sostanz…

“MEDTRONIC GLOBAL HEROES 2015”: …

Dal 16 marzo al 1° maggio…

Resveratrolo contro diabete e di…

Il resveratrolo, una dell…

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Glioblastoma: educare il sistema immunitario a riconoscere proteine cancerose

“Educare” il sistema immunitario fuori dal corpo, in vitro, a scovare e combattere le cellule portatrici della proteina marcatrice tumorale.

Trattare le cellule oncologiche come se fossero virus o batteri è una delle grandi aspirazioni mediche. L’idea è molto semplice: ‘istruire’ il sistema immunitario in modo che provveda a distruggerle.

TAC_glioblastoma

Cliccare sull'immagine per vederla in movimento

La Clinica Universitaria di Navarra sta reclutando 37 volontari per mettere in pratica quest’idea, applicandola su dei tumori più devastanti: il glioblastoma, malattia cerebrale che colpisce 2.400 persone, di cui solo il 5% sopravvive cinque anni. La tecnica consiste nel produrre vaccini individualizzati.

Non è facile da realizzare. Prima bisogna ottenere cellule sia del tumore sia del sistema immunitario del paziente. Poi devono essere coltivate insieme. In questa fase le cellule responsabili della difesa dell’organismo devono “imparare” a identificare le proteine che indicano la presenza del tumore. In seguito, devono essere re-iniettate nel malato, e bisogna sperare che il sistema immunitario apprenda a rilevare il cancro, ad attaccarlo e a distruggerlo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi