Diabete di tipo 1: proteina del …

Identificata una protei…

Tumori e genoma: le strane allea…

Effettuata la sequenz…

Sclerosi sistemica cutanea: in G…

Sono incoraggianti i prim…

Fumo passivo più pericoloso dell…

L’inquinamento da fumo di…

#Marijuana: poche evidenze posit…

Nonostante l'uso terapeut…

Protesi retinica: l'occhio bioni…

Losanna, Svizzera, 3 otto…

Nutrigenomica: per conoscere ben…

Le intolleranze alime…

Crio-chirurgia con tecnica minii…

Un'equipe multidisciplina…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

“Non lasciare che la psoriasi ti…

·  L’iniziativa, patrocin…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Glioblastoma: educare il sistema immunitario a riconoscere proteine cancerose

“Educare” il sistema immunitario fuori dal corpo, in vitro, a scovare e combattere le cellule portatrici della proteina marcatrice tumorale.

Trattare le cellule oncologiche come se fossero virus o batteri è una delle grandi aspirazioni mediche. L’idea è molto semplice: ‘istruire’ il sistema immunitario in modo che provveda a distruggerle.

TAC_glioblastoma

Cliccare sull'immagine per vederla in movimento

La Clinica Universitaria di Navarra sta reclutando 37 volontari per mettere in pratica quest’idea, applicandola su dei tumori più devastanti: il glioblastoma, malattia cerebrale che colpisce 2.400 persone, di cui solo il 5% sopravvive cinque anni. La tecnica consiste nel produrre vaccini individualizzati.

Non è facile da realizzare. Prima bisogna ottenere cellule sia del tumore sia del sistema immunitario del paziente. Poi devono essere coltivate insieme. In questa fase le cellule responsabili della difesa dell’organismo devono “imparare” a identificare le proteine che indicano la presenza del tumore. In seguito, devono essere re-iniettate nel malato, e bisogna sperare che il sistema immunitario apprenda a rilevare il cancro, ad attaccarlo e a distruggerlo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi