Sindrome post orgasmica: possibi…

Conosciuta con l'acronim…

Aspirina: previene in qualche fo…

L'aspirina puo' abba…

Festività Natalizie: dalla Socie…

Roma, 20 dicembre 2018 – …

DL Liberalizzazioni: una scelta …

L’obbligo di indicare nel…

Poliomielite: per sviluppare l'i…

Nuove evidenze scientific…

Tosse nel bambino: un problema e…

[caption id="attachm…

Morbo di Huntington: fermare la …

Alcuni studi hanno dimost…

Rivoluzione nella terapia del di…

Più libertà, qualità di v…

1 aprile 2016: SECONDA GIORNATA…

Torna la 2° edizione dell…

Linfoma dell'orbita: si usano gl…

Un gruppo di ricercatori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Preeclampsia in gravidanza compromette funzioni tiroidee

Due studi separati hanno messo in evidenza la stessa problematica: le donne che hanno sofferto di preeclampsia in gravidanza hanno un rischio maggiore di sviluppare una ridotta funzionalità della ghiandola tiroide più avanti nel tempo o già nelle ultime fasi della gestazione.


La preeclampsia è una pericolosa condizione o gestosi che si verifica in circa il 5% delle gravidanze ed è caratterizzata da tre sintomatologie principali: pressione arteriosa alta, presenza di proteine nelle urine (proteinuria) ed edema.



Nella relazione presentata dai ricercatori del National Institutes of Health e altre istituzioni si evidenzia la necessità che le donne che hanno avuto una gestosi siano informate della possibilità di avere una riduzione delle funzioni della tiroide. Di fatto, «I risultati suggeriscono che il possibile sviluppo di ipotiroidismo è da considerare nei pazienti con una storia di preeclampsia. Il ridotto funzionamento della tiroide è facile da diagnosticare se si sospetta, e poco costoso da trattare. La terapia sostitutiva migliora in modo sostanziale la qualità della vita delle persone colpite» ha dichiarato la dr.ssa Susan B. Shurin direttore sanitario del NICHD (National Institute of Child Health and Human Development).
I ricercatori ricordano che la ghiandola tiroidea produce ormoni che aiutano a regolare la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la temperatura corporea e la conversione del cibo in energia. Un ridotto funzionamento della tiroide, o di ipotiroidismo, si presenta con debolezza e affaticamento generale. In più, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari.

Source: lo studio è stato pubblicato sul numero di novembre del “British Medical Journal” (BMJ).

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x