Distrofia di Duchenne: anche un …

[caption id="attachment_1…

Primo farmaco che aumenta piastr…

[caption id="attachment_1…

Ernia al disco: il migliore dei …

Nel trattamento dell'ern…

Hendra virus: creato il primo va…

Un team internazionale di…

MELANOMA: LA MOLECOLA CHE ATTACC…

[caption id="attachment_9…

29 ottobre 2013 giornata mondial…

Importanti novità scienti…

Virus H1N1: cosa ha reso letale …

[caption id="attachment_1…

Disabilità intellettiva: CNR e T…

Chiarito per la prima vol…

Leucemia Linfoblastica Acuta: sc…

Uno studio pubblicato su …

Parte la Prima Edizione del PREM…

Parte la Prima Edizione d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Proteine nella saliva: dal contenuto si puo’ definire la latenza di patologie

Un test semplice da effettuare con campioni di saliva, nella donna, per arrivare a diagnosi precoci.

Secondo un nuovo studio il contenuto proteico nella saliva delle donne cambia con l’avanzare dell’età e può essere significativo del possibile sviluppo o presenza di diverse patologie.
Questa scoperta, secondo i ricercatori, potrebbe portare alla creazione di un nuovo test semplice e non invasivo per ottenere una migliore diagnosi e cura di malattie immunitarie e altre tra cui il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjögren che si manifesta con secchezza della bocca, degli occhi e della vagina



Secondo le intenzioni del dr. John Yates e colleghi, la possibilità di analizzare la saliva e le proteine contenute potrebbe essere l’equivalente dell’analizzare le impronte digitali di una persona e sarebbe l’alternativa all’attuale sistema diagnostico basato sull’analisi del sangue.
I ricercatori fanno notare come la saliva umana contenga molte delle proteine coinvolte nella digestione, nella lotta alle malattie e in altre importanti funzioni.
Per stabilire come l’avanzare dell’età possa influenzare le proteine gli scienziati hanno analizzato la saliva di un gruppo di donne sane di età compresa tra i 20 e 30 anni e tra i 55 e i 65 anni.
Per mezzo delle analisi sono stati identificate 293 differenti proteine diversificate a seconda dell’età. Molte di queste erano coinvolte nella lotta alle infezioni da parte del sistema immunitario ed erano più numerose nella saliva delle donne più anziane.


Source: lo studio è stato pubblicato sul “ACS – Journal of Proteome Research”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi