Nuova tecnica di risonanza magne…

Sviluppata una nuova tecn…

Cancro al seno: perché le donne …

Spiegato perche' le donne…

Ictus: staminali estratte dalla …

SYDNEY, 8 DIC - I cervell…

Sclerosi Multipla: casi in aumen…

I casi di sclerosi multip…

Gli effetti terapeutici dei ferm…

[caption id="attachment_6…

Parkinson: individuati nuovi mar…

[caption id="attachment_9…

Monitorare tumore ai polmoni con…

La risposta ai trattament…

[IRCCS E. Medea] Per traumi clin…

A Pieve di Soligo sperime…

Giornata Mondiale Sclerosi Multi…

Roma, 24 maggio 2016 – In…

Ricerca: studio italiano fa luce…

Uno studio condotto da un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Proteine nella saliva: dal contenuto si puo’ definire la latenza di patologie

Un test semplice da effettuare con campioni di saliva, nella donna, per arrivare a diagnosi precoci.

Secondo un nuovo studio il contenuto proteico nella saliva delle donne cambia con l’avanzare dell’età e può essere significativo del possibile sviluppo o presenza di diverse patologie.
Questa scoperta, secondo i ricercatori, potrebbe portare alla creazione di un nuovo test semplice e non invasivo per ottenere una migliore diagnosi e cura di malattie immunitarie e altre tra cui il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjögren che si manifesta con secchezza della bocca, degli occhi e della vagina



Secondo le intenzioni del dr. John Yates e colleghi, la possibilità di analizzare la saliva e le proteine contenute potrebbe essere l’equivalente dell’analizzare le impronte digitali di una persona e sarebbe l’alternativa all’attuale sistema diagnostico basato sull’analisi del sangue.
I ricercatori fanno notare come la saliva umana contenga molte delle proteine coinvolte nella digestione, nella lotta alle malattie e in altre importanti funzioni.
Per stabilire come l’avanzare dell’età possa influenzare le proteine gli scienziati hanno analizzato la saliva di un gruppo di donne sane di età compresa tra i 20 e 30 anni e tra i 55 e i 65 anni.
Per mezzo delle analisi sono stati identificate 293 differenti proteine diversificate a seconda dell’età. Molte di queste erano coinvolte nella lotta alle infezioni da parte del sistema immunitario ed erano più numerose nella saliva delle donne più anziane.


Source: lo studio è stato pubblicato sul “ACS – Journal of Proteome Research”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi