Artrite: strategia di propagazio…

[caption id="attachment_5…

Depressione e lutto: la psichiat…

Secondo la prestigiosa ri…

Tumori al seno: aumentano rischi…

L'aumento di peso non aiu…

Urologia: arriva in Italia il QP…

Si chiama ''Quick Prosta…

Insufficienza renale: scienziati…

Un team internazionale di…

Sigarette fai-da-te: non meno no…

Rollare non apporta benef…

Superbroccoli sempre più antican…

Scienziati statunitensi h…

Un collegamento tra il morbo di …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi Multipla: è partita a P…

Il trapianto autologo di …

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vivere ‘da faraoni’ dopo una recente scoperta sconvolge il significato

Roma, 18 nov – Gia’ le mummie soffrivano di aterosclerosi: le moderne tecniche di imaging hanno fatto rilevare nelle mummie che l’indurimento delle arterie, causa di infarti e ictus, era una causa di morte conosciuta gia’ 3500 anni fa.

Nefertiti: la donna più bella di tutti i tempi

Nefertiti: la donna più bella di tutti i tempi

A sostenerlo una ricerca presentata al meeting annuale dell’American Heart Association a Orlando, in Florida, e pubblicato sul Journal of the American Medical Association.

Gli antichi egizi facevano molto esercizio fisico e non fumavano, spiegano i ricercatori, ”ma dai geroglifici abbiamo rilevato che mangiavano gli animali da fattoria che allevavano, e quindi la loro dieta era ricca di proteine, e consumavano molto pesce salato, che potrebbe favorire l’insorgere dell’ipertensione”.
L’eta’ oltre i 45 anni, inoltre, e’ risultato un fattore prognostico negativo, mentre non e’ stata notata nessuna differenza di genere tra le mummie malate di aterosclerosi. ”Questo studio – conclude Randall Thompson del Mid-America Heart Institute di Kansas City, uno degli autori dello studio – ci permette di conoscere l’importanza dei fattori di rischio rispetto alla genetica nell’insorgenza della malattia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi