La dieta del sondino "tricolore"…

La dieta del sondino 'ma…

Il parto cesareo riduce i batter…

La gamma di batteri utili…

(SIC) Società Italiana Cancerolo…

Dalle promesse delle nano…

Rebif® (interferone beta-1a), il…

·         10 anni ded…

AIDS: crescono di un terzo i cas…

Negli ultimi dieci anni e…

Molecola ripara danni cerebrali

Scoperta australiana, pu…

Anoressia: avanzano nuove ipotes…

Dal lavoro scientifico di…

Longevità femminile superiore al…

Le donne, si sa, tend…

Ma la tutela della salute ha già…

“E’ quello dei cittadin…

Nuova analisi dell’Economist Int…

- Gli esperti raccomand…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vivere ‘da faraoni’ dopo una recente scoperta sconvolge il significato

Roma, 18 nov – Gia’ le mummie soffrivano di aterosclerosi: le moderne tecniche di imaging hanno fatto rilevare nelle mummie che l’indurimento delle arterie, causa di infarti e ictus, era una causa di morte conosciuta gia’ 3500 anni fa.

Nefertiti: la donna più bella di tutti i tempi

Nefertiti: la donna più bella di tutti i tempi

A sostenerlo una ricerca presentata al meeting annuale dell’American Heart Association a Orlando, in Florida, e pubblicato sul Journal of the American Medical Association.

Gli antichi egizi facevano molto esercizio fisico e non fumavano, spiegano i ricercatori, ”ma dai geroglifici abbiamo rilevato che mangiavano gli animali da fattoria che allevavano, e quindi la loro dieta era ricca di proteine, e consumavano molto pesce salato, che potrebbe favorire l’insorgere dell’ipertensione”.
L’eta’ oltre i 45 anni, inoltre, e’ risultato un fattore prognostico negativo, mentre non e’ stata notata nessuna differenza di genere tra le mummie malate di aterosclerosi. ”Questo studio – conclude Randall Thompson del Mid-America Heart Institute di Kansas City, uno degli autori dello studio – ci permette di conoscere l’importanza dei fattori di rischio rispetto alla genetica nell’insorgenza della malattia”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi