il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dal MIT: silenziare ‘i promotori’ di malattie genetiche con l’RNA interference.



E’ in definitiva  la nuova frontiera della lotta alle patologie genetiche, che ora i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Cambridge in Usa intendono condurre a colpi di micro-biologia.

CAMBRIDGE, Massachusetts – I ricercatori del MIT e Alnylam Pharmaceuticals nella relazione di questa settimana descrivono come hanno utilizzato con successo l’RNA interference per spegnere i geni multipli, responsabili di gravi patologie, nel fegato di topi, un preludio che potrebbe portare a nuovi trattamenti per le malattie del fegato e altri organi. Dalla scoperta del 1998 l’RNA interference – Il fenomeno naturale in cui il flusso di informazione genetica dal nucleo di una cellula per la costruzione di una specifica proteina blocca la catena di produzione – gli scienziati hanno portato avanti la possibilità allettante di ‘silenziare’ qualsiasi gene nel corpo. In particolare, hanno cercato di silenziare il malfunzionamento di geni che causano malattie come il cancro.

Il nuovo metodo, descritto nel Proceedings of the National Academy of Sciences, nell’ordine di grandezza più efficace rispetto ai metodi precedenti, ha detto Daniel Anderson, autore capo della relazione e ingegnere biomedico alla David H. Koch Institute for Integrative Cancer Research del MIT. “Questa efficacia notevolmente migliorata ci permette di ridurre drasticamente i livelli di dose, e apre anche la porta a formulazioni che possono inibire l’espressione di piu’ geni o piu’ canali”, dice Anderson. La chiave del successo con l’RNA interference è trovare un modo sicuro ed efficace per fornire corte sequenze di RNA che possono legarsi e distruggere l’RNA messaggero, che contiene le istruzioni dal nucleo.

Anderson ed i suoi colleghi ritengono che il modo migliore per farlo è quello di avvolgere brevi sequenze di interfering RNA (siRNA), in uno strato di molecole di lipidi, che possono attraversare i lipidi della membrana esterna delle cellule. Utilizzando cosi’ le molecole lipidiche per il trasporto , i ricercatori sono stati in grado di fornire con successo cinque frammenti di RNA in una sola volta, e Anderson ritiene che i lipidi hanno un potenziale superiore, fino a 20. Come hanno fatto: Il team del MIT, insieme ai ricercatori Alnylam, hanno sviluppato metodi per produrre rapidamente, assemblare e monitorare una varietà di lipidi differenti, permettendo loro di individuare i più efficaci. In un precedente studio, i ricercatori hanno creato più di 1.000 lipidi. Per il loro studio, hanno scelto uno dei più efficaci e usata una reazione chimica per creare una nuova libreria di 126 molecole simili. La squadra è concentrata su una che sembrava la più promettente, chiamata C12-200. Con l’utilizzo della C12-200, i ricercatori hanno ottenuto il silenziamento del gene con una dose inferiore a 0,01 milligrammo di siRNA per chilogrammo di soluzione, e 0,01 milligrammi per chilogrammo nei primati non umani. Se il dosaggio stesse sono state tradotte per gli esseri umani, una terapia potenziali richiedono solo una iniezione di meno di 1 millilitro di inibire un gene specifico, rispetto a precedenti formulazioni che avrebbero richiesto centinaia di millilitri, dice Anderson. Altri autori del MIT sono Kevin T. Love, Kerry P. Mahon, Christopher G. Levins, Kathryn A. Whitehead Institute e il professor Robert Langer.

Fonte: New RNA interference technique can silence up to five genes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: