Aspirina: i mille volti di un fa…

V° Congresso Provinciale …

Depressione: messo a punto un te…

Un test economico - d…

È nella rottura del genoma la pr…

[caption id="attachment_4…

Doppia vita di una proteina tras…

Scoperta una proteina che…

Ictus: cellule staminali amnioti…

Le cellule staminali hann…

Leucemia acuta senza chemio: stu…

Guarire da una forma …

Turismo odontoiatrico: creato un…

Stop al turismo odontoiat…

Stenosi dell'aorta: un tipo inus…

- Scoperto un gene associ…

Medicinali online: commissione U…

I cittadini europei acqui…

Entro il 2034 l'Italia potrebbe …

LE SOCIETÀ SCIENTIFICHE I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gravidanza: progesterone e fluttuazioni ormonali, il cervello e le percezioni da superpoteri

La gravidanza affina la capacita’ della donna di capire le emozioni altri, soprattutto quelle negative, leggendo in modo infallibile sul viso altrui intenzioni aggressive e minacciose.

La scoperta, di Rebecca Pearson dell’Universita’ di Bristol, riportata dal magazine britannico New Scientist, e’ stata pubblicata sulla rivista Hormones and Behavior.

l'ormone progesterone

l'ormone progesterone


Dietro questi ‘superpoteri’, ha spiegato la Pearson, c’e’ lo zampino degli ormoni, con molta probabilita’ e’ il progesterone, le cui concentrazioni si impennano in gravidanza, ad aguzzare le ‘capacita’ percettive’ della gestante. Gia’ precedenti studi avevano dimostrato che la donna, a seconda della fase del ciclo mestruale in cui si trova (e quindi delle fluttuazioni ormonali), e’ piu’ o meno capace di riconoscere sul volto le emozioni degli altri; addirittura uno studio aveva dimostrato che le capacita’ femminili di riconoscere sul volto di una persona il suo stato di salute aumentano nelle fasi del ciclo in cui la donna produce molto testosterone, cioe’ dopo l’ovulazione; cio’ probabilmente e’ un meccanismo di difesa della donna che puo’ restare incinta.

Ma cosa succede in gravidanza finora era stato poco indagato.

Gli esperti hanno chiesto a 76 gestanti di assegnare una di sei emozioni proposte a 60 volti generati al computer; l’esperimento e’ stato ripetuto due volte, prima della 14esima settimana di gestazione e dopo la 34esima.

E’ emerso che, mentre per le emozioni positive le capacita’ percettive della gestante non cambiano all’inizio e alla fine della gravidanza, invece le capacita’ di riconoscere emozioni negative come rabbia e minaccia sul volto di un altro si affinano durante l’ultima fase della gestazione.

Cio’, ha aggiunto, si e’ probabilmente evoluto per preparare la gestante a difendere lei e il feto da pericoli esterni e poi per prepararla al momento in cui dovra’ accudire e proteggere il bebe’ da eventuali minacce. Ma il prezzo da pagare per queste capacita’ di ipervigilanza, hanno concluso gli esperti, e’ spesso la comparsa di disturbi d’ansia che puo’ interessare molte gestanti e neomamme.

Ansa

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi