Sclerosi multipla: il ruolo fond…

Uno studio italiano finan…

Scienziati spiegano come le cell…

La questione di come sing…

L'emoglobina: una riserva di oss…

Una ricerca sul Parkinson…

Cellule tumorali evidenziate dal…

Effettuata per la prima v…

Glioblastoma: dagli Stati Uniti …

Lo ha utilizzato un ricer…

Alzheimer: se fosse una forma di…

A mettere in luce i mecca…

BOTULISMO E BOTULISMO INFANTILE:…

Presentata Indagine sulla…

Cure anticancro che espongono a …

Vari farmaci chemioterapi…

La prostata guarisce a Reggio Em…

L’urologia dell’Arcispeda…

Disfunzione erettile: 3 milioni …

Vive il proprio disagio c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto il gene-guida che mantiene equilibrio e udito anche quando dormiamo

Roma, 15 dic. – Per alzarci in piena notte e andare in bagno senza urtare contro porte e mobili dobbiamo ricorrere a un’attivita’ cerebrale in parte conscia e in parte inconscia, che richiede l’attivita’ cruciale di un singolo gene ‘maestro’.

Una sorta di navigatore satellitare interno, che controlla varie parti delle reti neurali necessarie per udito, equilibrio e localizzazione inconscia della propria posizione nello spazio (capacita’ propriocettiva). A scoprirne il ruolo sono i ricercatori americani del Baylor College of Medicine, autori di uno studio pubblicato su ‘Pnas’. Secondo il team, diretto da Huda Zoghbi, il super-navigatore controlla anche l’interocezione, la percezione spesso inconscia di moltissime informazioni provenienti dall’organismo stesso.

E’ il caso, appunto, di chi si sveglia nel cuore della notte per fare pipi’, perche’ ‘sa’ di avere la vescica piena. Al centro di tutto, spiegano i ricercatori, c’e’ il gene master Math1 (noto anche come Atoh1). Questo ‘pezzetto’ del Dna si e’ rivelato una sorta di centralina per i geni che controllano varie parti delle reti neurali necessarie, appunto, per equilibrio, udito, propriocezione e interocezione. “Ci ha sorpreso” scoprire il ruolo di Math1, spiega Zoghbi, che dirige anche il Duncan Neurological Institute del Texas Children’s Hospital. “Sapevamo che Math1 era importante per l’udito e la propriocezione. Ora pero’ sappiamo che questo gene e’ alla base della conoscenza di dove siamo rispetto all’ambiente” e ci permette di sapere “come muoverci con sicurezza, in modo automatico”. La scoperta dimostra un legame genetico, dello sviluppo e funzionale tra i diversi sistemi sensori che governano una serie di funzioni consce e inconsce, come appunto propriocezione, interocezione, udito, equilibrio e risveglio, spiega Kaashif Ahmad, neonatologo dell’ateneo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi