il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Lenti a contatto a viraggio di colore per monitorare la glicemia

Gocce sì, ma non di sangue. Ecco il nuovo rivoluzionario metodo diagnostico per misurare i livelli di zuccheri nel sangue che basta indossare, senza più bisogno di versare sangue ma… lacrime.
Stiamo parlando di uno speciale tipo di lenti a contatto che saranno sempre vigili nel segnalare i mutamenti dei livelli di glucosio nel sangue, e lo faranno cambiando colore.

Il nuovo metodo è stato sviluppato dall’ingegnere biochimico prof. Jin Zhang dell’University of Western Ontario di Hamilton (Canada) e utilizza una tecnologia non invasiva a base di nano-particelle inserite in lenti a contatto idrogel.
La funzione di queste nano-particelle è quella di avviare una reazione chimica rilevando il glucosio nelle lacrime degli occhi; questa reazione chimica provoca un cambiamento di colore delle lenti.
Il campo di applicazione di queste nuove tecnologie, sottolinea il prof. Zhang, non si limita alla salute e ai dispositivi biomedici, come in questo caso, ma si estende per esempio anche al campo alimentare permettendo di controllarne lo stato di conservazione.


Un film composto di nanoparticelle potrebbe essere impiegato nel confezionamento di carne e altri cibi freschi. In questo modo non solo si potrà proteggere meglio gli alimenti, ma le variazioni di colore potranno allertare in caso di deterioramento, contaminazione da agenti patogeni ecc.
In vista di questi possibili ulteriori utilizzi, il prof. Zhang e colleghi stanno conducendo ulteriori ricerche per perfezionare le tecnologie e creare nuovi composti multifunzionali da utilizzare in diverse situazioni.

Source: University of Western Ontario.
Nanocomposites could change diabetes treatment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: