Un corso ECM FAD perché il farma…

Roma, 4 novembre 2014- E’…

Prima volta microchip infetta uo…

[caption id="attachment_7…

Proteina orexina, legata alla so…

La proteina orexina, che …

Noci e vino rosso: polifenoli a …

Una bella insalata condit…

Glioblastoma: le cellule stamina…

Nel tumore cerebrale …

Tubercolosi: nuovo vaccino effic…

È il risultato della prim…

Studi genetici identificano caus…

Una mutazione all'interno…

Reflusso gastroesofageo: dei mag…

Le persone che soffrono d…

Gioco di donna: gli ormoni la re…

Stregato dall’ormone. Ecc…

Ridurre il sale nella dieta: sol…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamina D: sempre piu’ evidente la correlazione con i linfomi

Nel trattamento del linfoma a grandi cellule B,il livello di vitamina D è quasi messaggero della progressione della malattia. Gli studi del caso.

Il livello di vitamina D in pazienti trattati per un linfoma diffuso a grandi cellule B è fortemente associato alla progressione della neoplasia e alla sopravvivenza complessiva: l’importante risultato è stato illustrato all’annuale convegno dell’American Society of Hematology tenutosi a New Orleans, negli Stati Uniti.

Com’è noto, la vitamina D è un gruppo di pro-ormoni prodotto dalla pelle esposta alla radiazione solare o ottenuto con l’assuzione di alimenti che ne sono ricchi o con la supplementazione. La sua azione benefica per la salute e in particolare protettiva nei confronti di alcune forme tumorali è stata evidenziata da numerosi studi ma, come hanno sottolineato gli autori di quest’ultimo studio, in questo caso l’evidenza è molto più forte che in passato.

“Si tratta di risultati preliminari – ha spiegato Matthew Drake, endocrinologo della Mayo Clinic di Rochester, coautore dello studio – e devono essere confermati da altre ricerche. “Tuttavia sollevano la questione se la supplementazione con vitamina D possa essere utilizzata come adiuvante nel trattamento di queste forme tumorali”.

Nel corso dello studio, condotto dai ricercatori della Mayo Clinic e della Università dell’Iowa e finanziato dal National Cancer Institute degli Stati Uniti, sono stati considerati 374 pazienti con recente diagnosi di linfoma diffuso a grandi cellule B, trovando che il 50 per cento di essi aveva bassi livelli basali di vitamina D. I pazienti con livelli di vitamina D deficitari, in particolare, mostravano un rischio di progressione della malattia 1,5 volte più alto e un rischio di morte doppio rispetto ai pazienti con livelli ottimali.

“Il ruolo esatto della vitamina D nell’insorgenza del tumore non è nota finora, ma sappiamo che essa svolge un ruolo nella regolazione della crescita e della morte cellulare, oltre che in altri processi importanti per limitare il tumore”, ha aggiunto il ricercatore. “È abbastanza facile mantenere livelli di vitamina D ottimali con una supplementazione poco costosa o con soli 15 minuti di esposizione al sole tre volte alla settimana durante l’estate”.

Le Scienze

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi