Diabete di tipo 2: gli asparagi …

Nella frittata, nel risot…

Tumore alla prostata: recidiva c…

La valutazione dettagliat…

Testosterone sarà la contraccezi…

[caption id="attachment_5…

Vaccino: tutto quello che bisogn…

Un esperto parla del vacc…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Frutti rossi: due o tre porzioni…

Due o tre porzioni di fr…

Malaria: alcuni batteri presenti…

Le persone con limitata v…

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

Gravi disturbi del sonno e la re…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Astrociti: il loro vero ruolo nei meccanismi di apprendimento e memorizzazione

astrociti murini

Non solo i neuroni, ma anche gli astrociti, particolari cellule del sistema nervoso centrale a forma di stella, svolgono un ruolo primario nei meccanismi di memorizzazione e di apprendimento. Lo ha appurato una ricerca franco-britannica pubblicata sulla rivista Nature.Fino ad oggi si riteneva che gli astrociti fossero i ‘blocchi di costruzione’ della barriera emato-encefalica e che regolassero la vasocostrizione e la vasodilatazione; in pratica che avessero un ruolo accessorio, di sostegno o nutrizione delle altre cellule.

I ricercatori hanno invece verificato che gli astrociti, cosi’ chiamati per la loro particolare forma a stella, svolgono un ruolo molto piu’ importante e intervengono nel meccanismo di memoria cellulare oltre ai neuroni.

”L’importanza funzionale di queste cellule – ha commentato Ste’phane Oliet, direttore di ricerca presso il Centre national de la recherche scientifique – potrebbe, se le ulteriori analisi lo dimostreranno, essere fondamentale per la comunicazione del sistema nervoso. In precedenza, tali cellule erano state confinate ad un ruolo di ‘infermiere’ e ‘governante’, ma non e cosi”’. Questa scoperta, sostengono i ricercatori, potrebbe avere ripercussioni terapeutiche importanti, soprattutto per quanto riguarda le malattie neurodegenerative e i disturbi legati alla schizofrenia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!