Virus dell'epatite C: trovato un…

Un anticorpo monoclonale …

La buccia di mandorla, prebiotic…

[caption id="attachment_6…

Sconfiggere il cancro, iniziando…

Così il rischio di morire…

App “Stress Visivo” di ZEISS: un…

Stress Visivo è l’App lan…

Integratori per fertilità e sess…

Dilagano in Italia pillol…

"Un respiro per la vita". Sei se…

A partire dal mese di ott…

Medicina Rigenerativa: anche il …

Una squadra di ricercator…

Antiossidanti: per preservare ca…

Le funzioni muscolari pre…

Malattie autoimmuni: scoperto l'…

Ispirandosi ai successi o…

Janssen italia si fa social: nas…

Cologno Monzese, 24 Lugli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cataratta: primo impianto lente hi-tech in Italia

L'immagine puo' non corrispondere con la lente dell'articolo

Una lente hi-tech totalmente personalizzabile che, una volta impiantata nell’occhio per curare una cataratta, puo’ essere modificata con la luce per adattarsi alle esigenze del singolo paziente. E’ la piu’ recente innovazione tecnologica per la sostituzione del cristallino opacizzato, ed e’ stata impiantata oggi per la prima volta in Italia da Fulvio Bergaminie e da Federico Badala’ all’Ospedale San Giuseppe di Milano.
La speciale lente, sviluppata in California, e’ composta da un polimero di silicone: ”Grazie alla realizzazione in questo speciale materiale fotosensibile – spiega Badala’ – la lente cambia forma in risposta ai raggi ultravioletti e puo’ essere modificata, in modo assolutamente sicuro e indolore, anche dopo essere stata impiantata nell’occhio, semplicemente usando un raggio di luce”. Questo aspetto e’ particolarmente importante perche’ elimina la necessita’ di ulteriori interventi invasivi, ad esempio con il laser, per correggere il difetto visivo: basta infatti adattare la lente gia’ impiantata.

Nel dettaglio, durante l’operazione il chirurgo rimuove il cristallino opaco dall’occhio e lo sostituisce con la super-lente. Dopo l’impianto i pazienti devono indossare per le prime settimane occhiali speciali con filtro UV per proteggere l’occhio. Due settimane dopo la chirurgia l’oculista misura la vista, individua eventuali difetti come miopia, astigmatismo o ipermetropia e di conseguenza plasma la lente con la luce in modo che si adatti alle esigenze del singolo paziente. Una volta impiantata e personalizzata, la lente dura per sempre, senza dover essere mai rimossa o sostituita.

”Nonostante la tecnologia d’avanguardia utilizzata sia ben piu’ costosa delle lenti generalmente utilizzate – conclude l’ospedale – questa operazione presso il nostro centro sara’ offerta ai pazienti in normale regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale”.
ansa

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!