Parkinson: infiammazione di una …

Un’infiammazione che …

Molecole terapeutiche ottenute d…

Può un analgesico essere …

Nasce "Punti di Vita" il primo b…

Presentato all’Ospedale…

Autismo: le doti particolari del…

Il cervello delle persone…

Acidi grassi prevengono eventi g…

Gli acidi grassi essenzia…

I neuroni deputati all'apprendim…

Una popolazione di neuron…

Atassia di Friedreich: sembra ef…

Un gruppo di scienziati d…

Benefici dell'allattamento: trop…

L'allattamento al seno e'…

Una nuova regione, bersaglio con…

La paura e l’ansia, lo sa…

La leptina a capo di meccanismi …

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Identificato un nuovo gene responsabile di una forma di Sclerosi laterale Amiotrofica

motoneuroni

La scoperta fatta da ricercatori della Fondazione Santa Lucia e dell’Università “Tor Vergata” di Roma è frutto di un’ampia collaborazione internazionale

Identificato il gene responsabile di una forma ereditaria di sclerosi laterale amiotrofica (Sla): ad annunciarlo è uno studio* finanziato da Telethon e pubblicato sulle pagine della rivista Brain da Antonio Orlacchio**, responsabile del laboratorio di Neurogenetica dell’Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma e docente di Neurologia presso il dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Roma “Tor Vergata”.

La Sla è una malattia neurodegenerativa letale che colpisce progressivamente i motoneuroni, le cellule del sistema nervoso che impartiscono ai muscoli il comando di movimento. In genere si manifesta tra i 40 e i 50 anni e l’aspettativa di vita non supera i dieci anni. Esistono però anche forme più rare a esordio giovanile (il 5% di tutti i casi), in cui i pazienti sopravvivono anche 40-50 anni.

È proprio osservando le caratteristiche cliniche di persone affette da questo tipo di Sla che Orlacchio e il suo gruppo hanno ipotizzato che potesse trattarsi di una forma con peculiarità genetiche sovrapponibili a quelle di altre malattie neurologiche.

I loro sintomi clinici, l’età di esordio e la progressione della malattia erano infatti molto simili a quelli riscontrati in pazienti affetti da un’altra patologia neurodegenerativa, la paraplegia spastica ereditaria con assottigliamento del corpo calloso.

Questa malattia è dovuta a difetti nel gene SPG11, che si trova sul cromosoma 15 e contiene le informazioni per la spatacsina, una proteina fondamentale per la sopravvivenza dei motoneuroni.

I ricercatori si sono quindi chiesti se alla base delle due patologie potesse esserci un difetto a carico del medesimo gene. Per verificare questa ipotesi hanno studiato il patrimonio genetico di 25 famiglie di persone affette da questa particolare forma di Sla, provenienti da tutto il mondo: oltre a pazienti italiani, sono stati infatti reclutati malati di origine turca, brasiliana, canadese e giapponese.

Orlacchio e il suo gruppo sono così riusciti a mettere insieme la più ampia casistica mondiale finora disponibile, avvalendosi della collaborazione di importanti centri internazionali di ricerca come il dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Roma “Tor Vergata”, il dipartimento di Genetica medica dell’Istanbul University Cerrahpasa School of Medicine (Turchia), il dipartimento di Neurologia dell’Università federale di Paraná (Brasile), il Centro di ricerca sulle malattie neurodegenerative e il dipartimento di Medicina dell’Università di Toronto (Canada), il dipartimento di Neuroscienze cliniche dell’Università di Cambridge (Gran Bretagna) e il dipartimento di Neurologia dello Hyogo Brain and Heart Center di Himeji (Giappone).

Grazie alle attrezzature di ultima generazione dell’Irccs Fondazione Santa Lucia (www.hsantalucia.it/neurogen/index_it.htm) è stato possibile analizzare dettagliatamente il Dna dei pazienti e confermare come presentassero un difetto proprio a carico del gene della spatacsina.

Per questo, il gene sarà d’ora in poi classificato con un doppio nome: SPG11 e ALS5 , a riprova di come un suo malfunzionamento possa essere responsabile di due diverse malattie genetiche.

Salgono così a undici i geni finora individuati come responsabili di forme ereditarie di Sla.

Per quanto nella maggior parte dei casi la malattia sia sporadica (non venga cioè ereditata dai genitori), le forme genetiche possono dare informazioni molto utili per comprendere i meccanismi molecolari con cui si sviluppa questa grave malattia neurodegenerativa.

Una ricaduta più immediata dello studio è invece la possibilità di diagnosticare con precisione questa particolare forma di Sla a partire dai sintomi clinici e pianificare così gli interventi più adeguati.

Infine, la proteina codificata dal gene ALS5 potrà rappresentare un bersaglio molecolare per un razionale sviluppo di nuovi farmaci.

In Italia il lavoro di Antonio Orlacchio è stato finanziato, oltre che da Telethon, dal ministero della Salute, dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (Aams) e da fondi raccolti con varie iniziative nella città di Gubbio.

Per informazioni

Ufficio stampa Telethon:
Tel.: +39.06.44015402, www.telethon.it/ricercainforma

* Orlacchio A, Babalini C, Borreca A, Patrono C, Massa R, Basaran S, Munhoz RP, Rogaeva EA, St George-Hyslop PH, Bernardi G, Kawarai T, “SPATACSIN mutations cause autosomal recessive juvenile amyotrophic lateral sclerosis”. Brain, 2010; doi:10.1093/brain/awp325

** Antonio Orlacchio è neurologo e ricercatore nel campo delle neuroscienze; da oltre 15 anni si occupa di neurogenetica. Grazie a borse di studio di Telethon e del Cnr ha trascorso oltre cinque anni in Canada presso l’Università di Toronto, collaborando con Peter H. St George-Hyslop, uno dei maggiori esperti mondiali di neurogenetica. Rientrato in Italia nel 2001, attualmente svolge le sue ricerche presso la Fondazione Santa Lucia di Roma, dove dirige il laboratorio di Neurogenetica, e presso il dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Roma “Tor Vergata”, dove insegna neurogenetica.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!