Cervello: descritta la proteina …

Identificato un gene che …

Tubercolosi: parte il trial per …

[caption id="attachment_9…

Tumori: vaccino 'ad personam' co…

Nel dubbio ha fatto bene…

La scommessa italiana per la cur…

La ricerca sulla fibrosi …

Una nuova teoria che smentisce i…

[caption id="attachment_5…

All'Istituto dei Tumori 'Accogli…

Inaugurato oggi insieme a…

Cellule staminali: la Cina ferma…

La Cina ha ordinato di fe…

Procreazione assistita: il sì de…

Il Regno Unito potreb…

Cancro: via sedentaria letale, m…

La vita sedentaria non fa…

Fumo: trovata molecola anti-dipe…

Stop alla dipendenza da n…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il vino rosso alleato del cuore. Ecco perche’.

Il vino rosso fa bene al cuore e ora si sa anche perché. Ricercatori francesi hanno infatti scoperto un meccanismo molecolare attraverso cui i polifenoli contenuti nella bevanda permettono alle cellule che rivestono le arterie di produrre un vasodilatatore, il monossido di azoto, grazie all’intermediazione di un recettore di estrogeni.

Si spiega così anche dal punto di vista scientifico – e non solo semplicemente statistico – il cosiddetto ‘paradosso francese’, ovvero il numero minore di infarti nel Sud Est della Francia dove pure l’alimentazione è ricca di grassi (foie gras, carne conservata nel brodo di cottura) ma anche di vino rosso.

I risultati della ricerca, realizzata sui topi grazie alla collaborazione di tre equipe, sono pubblicati su ‘Plos One’. I ricercatori avevano già individuato da tempo nel monossido di azoto il ‘protagonista’ dei benefici del rosso. Non si sapeva, però, come venisse prodotto.

Secondo i nuovi studi – realizzati dai ricercatori dell’Istituto nazionale per la salute e la ricerca (Inserm) di Anger insieme a quelli dell’università Louis Pasteur di Strasburgo e l’università Paul Sabatier di Tolosa – la chiave è uno dei recettori di estrogeni delle cellule sulle pareti dei vasi, alle quali si legano molecole di un polifenolo che attiva la produzione di monossido di azoto. L’idea di indagare sul recettore nasce dalla constatazione che le donne in età fertile, che producono estrogeni, hanno meno rischi cardiaci. I ricercatori hanno seguito diverse strade per verificare il meccanismo nei topi. Una controprova è stata realizzata utilizzando un farmaco anticancro (fulvestrant), inibitore del recettore ‘indagato’ che blocca la produzione di monossido di azoto da parte delle cellule vascolari e impedisce alle arterie di dilatarsi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!