Igiene orale e artrite: dimostra…

[caption id="attachment_1…

Dalle staminali ricostruite ossa

[caption id="attachme…

Risposta molecolare a "grilletto…

E' come un ''grilletto'' …

AIDS: studio italiano conferma l…

Grazie ai miglioramen…

JDRF e Medtronic insieme per la …

Collaborazione tra i lead…

Una proteina “anti stress” è all…

Secondo uno studio condo…

Padova: selezione spermatozoi pe…

Un bimbo e' gia' nato e u…

Studio di un recettore per la fo…

La scoperta è ritenuta im…

Nuova frontiera chirurgia: valvo…

[caption id="attachment_9…

Probiotici contro dissenteria

I batteri probiotici pos…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto un nuovo fattore di rischio genetico per la leucemia

Un gruppo di ricercatori dello Europe’s Institute of Cancer Research di Londra ha scoperto quattro nuove varianti genetiche che accrescono il rischio di contrarre una delle forme più gravi di leucemia, confermando in questo modo l’ereditarietà dei fattori di rischio per questa malattia fatale. “Oggi – fa sapere David Grant, responsabile scientifico del progetto – siamo così in grado di conoscere dieci varianti genetiche associate alla cosiddetta leucemia linfatica cronica”.

Questa è una forma di leucemia caratterizzata dalla proliferazione monoclonale di piccoli linfociti che si accumulano nel sangue periferico, nel midollo osseo, milza, fegato, linfonodi, sedi extralinfatiche (più raramente). La sua eziopatogenesi è per lo più sconosciuta. Si tratta comunque di una patologia più frequente nei paesi occidentali a sviluppo industriale, che colpisce maggiormente i soggetti anziani (50-70 anni) di sesso maschile (rapporto di 2 a 1 con le femmine). La ricerca inglese, anticipata da Nature Genetics, è stata condotta utilizzando una tecnica di analisi genetica impiegata in passato per trovare fattori di rischio genetico per il cancro al colon, al cervello, alla prostata, ai testicoli, alla mammella e alla leucemia infantile. In totale, gli scienziati hanno esaminato oltre 2500 pazienti affetti da leucemia linfatica cronica, comparandoli con circa 6000 pazienti sani alla ricerca di differenze nel Dna tra i due gruppi.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!