Diagnosi Prenatale: genitori all…

[caption id="attachment_7…

Ebola: America vicina ad un rime…

[caption id="attachment_8…

Gli oncologi si pronunciano circ…

Mirtilli e melanzane anti…

Il SIldenafil aiuta nella preven…

Il Sildenafil dovrebbe es…

I farmacisti italiani augurano b…

Roma 29 aprile 2013.  “ A…

Fecondazione assistita: 4.000 le…

Non si ferma il turismo d…

Mucca pazza: e' un italiano a sv…

Un problema di “traffico”…

Artrosi: studio USA-Italia fa lu…

Un gruppo di ricercatori …

Dolore cronico: in provincia di …

Esegue fino a 500 prest…

ARISLA: interfaccia cervello-com…

Accendere e spegnere la l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al seno: significativa sopravvivenza se si associa un anticorpo a chemio

MILANO, 29 GEN – Le donne con un particolare tipo di tumore al seno non operabile, se curate anche con uno specifico anticorpo, hanno un ”formidabile” aumento della sopravvivenza. Lo ha scoperto uno studio dell’Istituto nazionale tumori (Int) di Milano, pubblicato oggi sulla rivista scientifica Lancet.

I ricercatori, guidati dal direttore dell’oncologia medica I Luca Gianni, hanno in particolare scoperto che il 71% delle donne colpite da tumore al seno ‘Her2 positivo’ localmente avanzato, curate con la chemioterapia insieme all’anticorpo trastuzumab, sopravvive senza avere recidive, contro il 56% di quelle che invece seguono solo la chemioterapia.

”I risultati di questo studio – spiega Gianni – dimostrano che si e’ compiuto un altro significativo passo avanti nella lotta contro il tumore mammario. L’evidenza indica che i farmaci mirati, come trastuzumab contro Her2, aumentano in modo formidabile la possibilita’ di intervento quando associati alla chemio, portando la sopravvivenza libera da malattia al 71% in un gruppo di donne altrimenti destinato a un decorso molto grave di progressione verso le recidive”.


Inoltre, aggiungendo l’anticorpo alla chemio, ”raddoppia la possibilita’, dal 20% al 40% – aggiunge il ricercatore – di arrivare all’intervento chirurgico senza piu’ alcuna cellula tumorale”. Per questo cancro, infatti, la cura farmacologica punta a ridurre il piu’ possibile la massa del tumore, per poi rimuoverlo con la chirurgia.

Il cancro del seno colpisce ogni anno 38 mila italiane, e ne uccide 8 mila. Solo il 6-10% di questi tumori e’ rappresentato dal tipo localmente avanzato e/o infiammatorio, che ha una prognosi piu’ sfavorevole di quelli operabili.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi