Dal Congresso Co.r.te.: con Bion…

Studio dell’equipe del pr…

Scoperto il punto debole delle c…

LE CELLULE tumorali hanno…

Fumo: dai pneumologi un secco "n…

BPCO, ovvero broncopn…

Neuroimaging, Terapia Neurochiru…

Roma, 29 aprile 2014 – In…

[Telethon] Distrofia di Duchenne…

La lotta alla distrofia d…

Cadmio presente in fertilizzanti…

Il cadmio, metallo tossic…

Setticemia nei prematuri: al San…

[caption id="attachme…

Cancro: un agente che sopprime l…

Scienziati testano gli ef…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

Nuova tecnica per resezioni di f…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibrosi cistica: incoraggianti i risultati di una nuova ricerca

Un difetto in un cammino di segnalazione cellulare che coinvolge la proteina PPAR-γ (peroxisome proliferator-activated receptor-γ) si è rivelato cruciale per lo sviluppo di alcuni sintomi della fibrosi cistica nel modello animale. È questo il risultato di uno studio svoltosi presso la School of Medicine dell’Università della California a San Diego, che ha dimostrato inoltre come la correzione di tale difetto porti alla parziale remissione dei sintomi.

“La fibrosi cistica com’è noto è il risultato di una mutazione genetica che porta al malfunzionamento dei canali posti sulla membrana cellulare che permettono il trasporto di ioni cloruro e bicarbonato dall’interno verso l’esterno della cellula”; ha commentato Gregory Harmon, che firma l’articolo di resoconto pubblicato su Nature Medicine. “Questo difetto cellulare a sua volta porta all’infiammazione e all’accumulo di muco nelle vie respiratorie tipici della patologia.

Lavorando su linee cellulari isolate da topi e da pazienti colpiti dalla malattia, i ricercatori hanno identificato alcuni geni influenzati dalla PPAR-γ avevano una funzionalità ridotta.

Quando poi i ricercatori hanno somministrato ai topi affetti da fibrosi cistica il farmaco rosiglitazone, che si lega alla PPAR-γ, attivandola, l’espressione genica è risultata in gran parte normalizzata, con un notevole beneficio per la sopravvivenza degli animali. Il farmaco ha dimostrato inoltre di correggere almeno in parte il processo infiammatorio a carico del tessuto.

La delezione della proteina PPAR-γ nell’intestino di topo, inoltre, ha peggiorato la malattia, portando a un accumulo di muco nell’intestino. Infine, i ricercatori hanno riscontrato come l’attivazione della PPAR-γ possa incrementare la produzione di bicarbonato nel tessuto intestinale favorendo l’attività dell’enzima carbonato deidratasi.

“Per la prima volta, siamo riusciti a utilizzare un farmaco che attiva il trasporto del bicarbonato senza influenzare il trasporto del cloruro, e a vedere un miglioramento nella patologia”, ha spiegato Harmon. I risultati corroborano l’opinione di chi ha indicato l’aumento del bicarbonato nei tessuti colpiti dalla fibrosi cistica come prossimo obiettivo terapeutico della ricerca di base e clinica.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi