Per la salute del vostro cuore A…

Milano, 25 settembre 2014…

Gli ormoni del sesso rendono più…

Uno studio dell’Universit…

Filo artificiale per riparare or…

L'esperimento degli scien…

EBOLA: USA sollecita produzione …

Funzionari degli Stati Un…

Tumori del polmone: nuovo test p…

Un nuovo test molecolare …

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

SLA: carotenoidi utili nella pre…

Una nuova ricerca suggeri…

Tumori dell'utero, si inizia dal…

Più sensibile del Pap-tes…

Cannabis legalizzata: ma in Colo…

In Colorado la proporzion…

Depressione: trovato legame con …

La depressione e' legata …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Incontinenza urinaria: a Bologna un centro di eccellenza di riferimento per le donne

La casa di Cura Villalba Hospital di Bologna dopo i grandi successi ottenuti con una sofisticata metodica chirurgica per la risoluzione della grande obesità ( in questi ultimi 3 anni sono stati trattati efficacemente i massimi i pesi italiani ) attiva ora un centro d’avanguardia per il trattamento risolutivo dell’incontinenza urinaria femminile , un devastante disturbo che colpisce  in Italia circa 5 milioni di donne dai 30 anni in su, grazie a innovative tecniche chirurgiche mininvasive made in USA  approdate recentemente nel nostro Paese.“Le nuove ma collaudate metodiche mininvasive”, spiega il dottor Carlo Villa  uroginecologo  a Villalba , “si chiamano  Monarc e Miniarc e  prevedono   l’applicazione di  sling – retine in polipropilene che poste sotto all’uretra  risolvono il disturbo ( 8mila interventi in Italia  e oltre 450 mila nel mondo). Rispetto ai ‘vecchi’ interventi invasivi (come la colposospensione ) che richiedono un taglio sull’addome, l’anestesia generale, ricovero e  convalescenza prolungati, i  nuovi trattamenti si possono effettuare in day hospital,  in anestesia locale o locoregionale  con un ritorno alle normali attività  entro una settimana. L’incontinenza urinaria da sforzo nella donna,  che si manifesta a seguito di un piccolo sforzo come   un colpo di tosse,  uno starnuto, il sollevamento di una borsa o un esercizio fisico, induce imbarazzanti  fughe di urina ed è causata principalmente dalle gravidanze e dal parto ( il 50 % delle donne riporta un danno dei muscoli e dei legamenti pelvici già al primo parto ); le altre cause sono: menopausa , prolasso genitale, età, tosse cronica ,stipsi , attività pesanti e sportive ed esiti di chirurgia pelvica”.  La malattia, vissuta con ansia, depressione  e isolamento  legati al timore di non riuscire a controllare lo stimolo a urinare ,incide  pesantemente   sui rapporti sociali, l’intesa di coppia e quindi sulla  qualità della vita. Nonostante questo solo una minoranza di donne  , vincendo imbarazzo e vergogna,  si rivolge allo specialista uroginecologo (circa il 25 – 30%).

“L’incontinenza urinaria”, conclude il dottor Villa,  “continua a rimanere una patologia nascosta a causa di una scarsa e inadeguata informazione da parte degli operatori sanitari  alle pazienti. Solo  una minoranza di donne affronta il problema con lo specialista mentre le  altre si rassegnano ai pannolini. Questo disturbo può invece  essere risolto con successo come dimostrano i risultati ottenuti dall’uroginecologia ,grazie alla nuova chirurgia mininvasiva  che ora si affianca alla rieducazione perineale, prima misura terapeutica per  l’incontinenza urinaria lieve e a  farmaci mirati. La donna non dovrà quindi più sentirsi condannata all’incontinenza urinaria ,ma può ora  scegliere tra le varie opzioni terapeutiche  e risolvere un disturbo che riguarda la sua integrità fisica e soprattutto la sua femminilità” .

Per informazioni:
Md Health Consulting
Antonella Marchitto   tel . 02 48015241  –  335 / 6230803
Franco  Di Liello       tel .  02 48015241  – 340 / 4154660

Per interviste:
dottor Carlo Villa –  Cellulare : 338 5058886 e mail  : carl.villa@virgilio.it
Casa di Cura Villalba Hospital di Bologna tel. 0516443011.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!