Vaccino HPV in Calabria: grazie …

Continua la campagna di O…

Le proprietà terapeutiche dei br…

[caption id="attachme…

Nel rilancio del Paese hanno un …

L’Associazione dei produt…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

I meccanismo fondamentali per la…

[caption id="attachment_7…

Dispositivo di dimensioni nanosc…

Costruito con materiali g…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Più grassi nella dieta, meno zuc…

Una dieta ad alto contenu…

Curcumina: dimostrate proprieta'…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Informatica organica: italiani fotografano sistema difesa DNA

la struttura del DNA

E’ controllabile dall’uomo e apre nuove prospettive nella lotta contro cancro e invecchiamento, ma promette anche applicazioni nel fotovoltaico e nell’informatica organica. La scoperta, firmata da due italiani, e’ annoverata dall’ultimo numero di Nature tra i principali successi della settimana. Scienziati italiani sono infatti riusciti nell’impresa inedita di “fotografare”, tramite potenti microscopi a scansione, la “danza di guerra” delle molecole di guanina: il modo cioe’ in cui queste si ridispongono, passando dall’assetto allungato, in “fila indiana”, a quello compatto a “testuggine” difensiva, in gruppi di quattro.

E’ proprio questo il meccanismo molecolare – spiega Gian Piero Spada, dell’Universita’ di Bologna – cui si deve la protezione delle informazioni genetiche custodite nei cromosomi. La guanina e’ infatti il principale componente dei telomeri: le estremita’ dei filamenti di Dna che arricciandosi su se stesse lo proteggono, a mo’ di cappucci, dalle aggressioni esterne. Ed e’ proprio la disposizione a testuggine della guanina a consentire l’arricciamento, continua Spada, che insieme a Paolo Samori’, dell’Universita’ di Strasburgo, ha coordinato la ricerca, finita sotto i riflettori dell’ultimo numero di Nature, e in via di pubblicazione, con tanto di copertina, su Angewandte Chemie, una delle riviste di chimica piu’ autorevoli al mondo. I telomeri sono considerati cosi’ importanti che l’ultimo premio Nobel per la medicina e’ andato proprio agli studiosi americani che ne scoprirono la funzione. La guanina sembra infatti giocare un ruolo centrale sia nell’invecchiamento cellulare sia nell'”immortalita'” delle cellule tumorali. Ogni volta che una cellula si riproduce infatti, i telomeri del suo Dna normalmente si accorciano, e quando diventano troppo corti la cellula muore. Al contrario, in alcuni tumori, le cellule riescono a mantenere lunghi i propri telomeri, continuando cosi’ a riprodursi senza invecchiare. Conoscere meglio il meccanismo molecolare della guanina, apre quindi nuove prospettive nella ricerca medica contro i tumori e l’invecchiamento. –

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi