Riconoscere il dolore al petto, …

[caption id="attachment_8…

L'opera somma in volumi: Genomic…

Genomic Encyclopedia of B…

Batteri infettivi: sviluppata nu…

I batteri nocivi potrebb…

Superspermatozoi e tassi di infe…

[caption id="attachme…

Anche l'uomo (e i mammiferi) ha …

Una piccola porzione del …

La proteina promoter dell'incont…

Il recettore delle cellul…

Progesterone post-menopausa non …

Il trattamento con proges…

COMUNICAZIONE DIGITALE IN SANITA…

Istituzioni, aziende, cli…

Chewing gum: l'eccessiva mastica…

L'eccessivo consumo di c…

Utilizzo farmaci negli allevamen…

L'aggiunta sistematica di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La vera causa della morte di Tutankhamon

radiografia cranio Tutankhamon

Fu l’effetto congiunto della malaria e di diverse anormalità nella struttura ossea a provocare la morte precoce del faraone Tutankhamon: è questa la conclusione a cui è giunto l’ultimo studio sulle ragioni della scomparsa del grande faraone, condotto da Zahi Hawass, del Consiglio superiore per le Antichità del Cairo, e collaboratori, e pubblicato sulla rivista JAMA.

Numerose sono le ipotesi che sono state avanzate nel corso degli anni circa le possibili cause della morte di Tutankhamon a cominciare da diverse malattie – da quelle legate a uno scompenso ormonale con ginecomastia, alla sindrome di Marfan – per finire con quelle che la imputavano a una ferita, a una setticemia o a un’embolia secondaria a una frattura al femore e perfino a un omicidio perpetrato con un colpo alla nuca o con un veleno.

“Tuttavia la maggior parte delle diagnosi sono ipotesi formulate sulla base dell’osservazione e dell’interpretazione di reperti artistici e non sulla base della valutazione dei resti mummificati del re”, osserva Hawass.

Per cercare di chiarire la questione Hawass e collaboratori hanno così deciso di intraprendere un ampio spettro di ricerche antropologiche, radiologiche e genetiche in modo da determinare i rapporti familiari fra 11 mummie del Nuovo Regno al fine di individuare anche eventuali tratti patologici ascrivibili a patologie ereditarie o malattie infettive.

Alla fine dello studio non sono stati trovati segni di ginecomastia né della sindrome di Marfan: “La particolare rappresentazione artistica di questi personaggi reali va molto più probabilmente messa in relazione con le riforme religiose di Akhenaton. E’ improbabile che Tutankhamon o Akhenaten avessero realmente un aspetto marcatamente bizzarro o un fisico effeminato. E’ importante notare che i re dell’antico Egitto e le loro famiglie venivano tipicamente rappresentati in modo idealizzato”, osservano i ricercatori.

Hawass e collaboratori hanno peraltro trovato un accumulo di malformazioni nella famiglia di Tutankhamon. “Sono diverse le patologie diagnosticate, ivi compresa la malattia di Köhler II (che porta ala formazione di osteocondrosi), ma nessuna di esse da sola avrebbe provocato la morte. I test genetici per i geni STEVOR, AMA1 e MSP1, specifici di Plasmodium falciparum, il parassita della malaria, sono stati positivi in quattro mummie, compresa quella di Tutankhamon. Questi risultati suggeriscono che una necrosi ossea avascolare – ossia conseguente a un insufficiente afflusso sanguigno al tessuto osseo – in concomitanza dell’infezione malarica sia stata la più probabile causa di morte del faraone. Le difficoltà di deambulazione e la malaria che affliggevano Tutankhamun sono anche suffragate dalla scoperta nella sua tomba di bastoni e di una nutrita farmacia per l’aldilà”, osservano i ricercatori.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!