SIN:Presentati i risultati dei p…

44° CONGRESSO DELLA SOC…

Aiuti "di ferro" riducono l'affa…

I supplementi al ferro s…

Depressione: le lunghe maratone …

Puo' sembrare una cosa in…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

Sclerosi Multipla e CCSVI: parti…

Reclutati 687 pazienti: s…

Contraccezione "al maschile": st…

Sono promettenti i primi …

Malattie infiammatorie croniche:…

A Bergamo esperti a confr…

Autismo: un farmaco anticancro p…

Un nuovo farmaco sperimen…

Morbo di Parkinson: ricerca vers…

Un team internazionale di…

Nuovo test ematico per rilevare …

Un nuovo esame del sangue…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Melanomi: un raggio laser per localizzarli

Melanina e melanofori

Melanina e melanofori

Si puo’ verificare lo stadio di avanzamento di un melanoma ascoltandone il “suono”. Lo afferma uno studio dell’universita’ del Missouri, pubblicato dal Journal of Biomedical engineering, secondo cui tramite il laser e’ possibile stabilire se il tumore ha raggiunto i linfonodi proprio dal rumore prodotto. “Questo metodo – ha spiegato John Viator, uno degli autori – puo’ essere usato per determinare se il cancro e’ passato dallo stadio 2, in cui il melanoma e’ ancora limitato alla pelle, alla fase 3, con l’interessamento dei linfonodi”.


La tecnica consiste nel colpire la biopsia del linfonodo con impulsi laser a una lunghezza d’onda a cui e’ sensibile la melanina, che costituisce il 95% delle cellule del melanoma. Con gli impulsi la cellula si riscalda e si raffredda rapidamente, contraendosi e dilatandosi. Questo produce un rumore tipico che puo’ essere rivelato da un particolare sensore, in grado di stabilire in quale area del linfonodo si annida il tumore. Per ora il sistema e’ stato provato usando cellule tumorali umane inserite in linfonodi di cane, ma i test su linfonodi umani sono gia’ in atto.
salute - AGI

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi