Sclerosi multipla: non e' solo u…

[caption id="attachment_1…

Bimbi prematuri: staminali ripar…

Le cellule staminali poss…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

Federsalus scende in campo contr…

FederSalus plaude l’azi…

Vaiolo: debellato il virus umano…

Il virus del vaiolo bovin…

Meno rischi di fratture ossee pe…

Le donne di colore o asia…

Ictus: la gravidanza può essere …

I casi di ictus legato al…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Broncopneumopatia Cronica Ostrut…

In prossimità della XIII …

Pomodoro: sequenziato l'intero g…

Il risultato, di grande i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Melanomi: un raggio laser per localizzarli

Melanina e melanofori

Melanina e melanofori

Si puo’ verificare lo stadio di avanzamento di un melanoma ascoltandone il “suono”. Lo afferma uno studio dell’universita’ del Missouri, pubblicato dal Journal of Biomedical engineering, secondo cui tramite il laser e’ possibile stabilire se il tumore ha raggiunto i linfonodi proprio dal rumore prodotto. “Questo metodo – ha spiegato John Viator, uno degli autori – puo’ essere usato per determinare se il cancro e’ passato dallo stadio 2, in cui il melanoma e’ ancora limitato alla pelle, alla fase 3, con l’interessamento dei linfonodi”.


La tecnica consiste nel colpire la biopsia del linfonodo con impulsi laser a una lunghezza d’onda a cui e’ sensibile la melanina, che costituisce il 95% delle cellule del melanoma. Con gli impulsi la cellula si riscalda e si raffredda rapidamente, contraendosi e dilatandosi. Questo produce un rumore tipico che puo’ essere rivelato da un particolare sensore, in grado di stabilire in quale area del linfonodo si annida il tumore. Per ora il sistema e’ stato provato usando cellule tumorali umane inserite in linfonodi di cane, ma i test su linfonodi umani sono gia’ in atto.
salute - AGI

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!