Carenza di vitamina C in gravida…

Una carenza di vitamina …

AIDS: si studia nuovo vaccino ch…

Hanno esaminato il modo i…

Chirurgia: valutare l’innovazion…

Nel corso del Convegno “S…

iHealth: squadra al servizio del…

iHealth, l’avveniristica …

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Emicranie: anche le anomalie res…

Un gruppo di scienziati d…

Malattie cardiovascolari: scoper…

Un gruppo di ricercatori …

Fumatori italiani i meno convint…

I fumatori italiani sono …

ALL’EASL NUOVI DATI SU SIMEPREVI…

I dati confermano l’effic…

“Mettici la Faccia”: disegna il …

Al via il concorso dell’I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stenosi aortica: innovative valvole artificiali

Nuove prospettive di cura per i pazienti colpiti da stenosi aortica grazie all’utilizzo di innovative valvole artificiali al policlinico alle Scotte di Siena. Lo rende noto la stessa Azienda ospedaliera senese, spiegando che l’emodinamica del Santa Maria alle Scotte, diretta da Carlo Pierli, ha reso disponibile un nuovo sistema per trattare quei pazienti che, per eta’ o particolari patologie, non possono subire un intervento chirurgico tradizionale. Grazie alla collaborazione dei reparti di cardiochirurgia, chirurgia dell’aorta toracica e terapia intensiva cardiotoracica, il trattamento e’ disponibile per tutti i pazienti con specifiche caratteristiche cliniche.

Per alcune persone con insufficienza respiratoria grave o in eta’ avanzata – spiega Perli – questa nuova tecnica rappresenta l’unica chance di vita. La nuova valvola aortica biologica viene posizionata per via percutanea, inserendo nella zona inguinale un catetere che attraversa l’arteria femorale sino ad arrivare al cuore, in anestesia locale. A questo punto la nuova valvola si attacca a quella ormai malata e la sostituisce. L’intervento – prosegue Pierli – viene effettuato interamente in sala di emodinamica e permette l’impianto di una valvola biologica mediante la stessa tecnica utilizzata per le coronarografie e l’angioplastica”.

”Negli ultimi otto mesi di applicazione della metodica nel nostro policlinico – conclude Pierli – abbiamo effettuato 16 impianti di protesi aortiche percutanee ma prevediamo di arrivare a circa 40-50 impianti entro la fine del 2010, viste le numerose richieste anche da fuori regione”.
Ansa

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi