La consistenza ossea ereditata d…

[caption id="attachment_5…

Sclerosi Multipla: la molecola c…

Messa a punto una nuova m…

HIV: virus con serbatoi di mater…

Il serbatoio di virus ina…

Alcool, invecchiamento precoce e…

[caption id="attachment_7…

L'apertura del mercato ai generi…

Solo se i generici raggiu…

Life-history traits may affect D…

For the first time, r…

Congresso sindacale Fimp: il per…

Roma, 16 Aprile - Parteci…

La memoria spaziale di una muffa…

Una muffa unicellulare, P…

Cellulite: nuova terapia non inv…

Una nuova tecnologia …

Ypsomed implementa con successo …

Burgdorf, 29 maggio 2014 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’occhio bionico e’ sempre meno fantascienza

Non e’ ancora l’occhio bionico dei film di fantascienza, ma la ricerca pubblicata da Yael Hanein dell’Universita’ di Tel Aviv sulla rivista Nanotechnology ha fatto un passo in questa direzione. La ricercatrice e’ riuscita a fondere i nervi della retina con degli elettrodi piccolissimi in grado di stimolare la crescita delle cellule. Per ora un occhio sintetico e’ lontano, ma la scoperta puo’ gia’ aiutare a sviluppare nuovi farmaci per i tessuti nervosi.

Nello studio una serie di piccolissimi nanotubi di carbonio e’ stata fusa grazie a una corrente elettrica ai neuroni delle cavie, inducendo la crescita degli stessi sulla struttura sintetica. ”Questo ci ha permesso di vedere come come i neuroni crescono e comunicano l’un l’altro – ha spiegato l’esperta – e quindi potremo rispondere ad alcune questioni ancora aperte sull’argomento”. Oltre alle applicazioni di base, i ricercatori stanno studiando il modo di applicare la scoperta alle malattie degenerative della retina: ”I neuroni si accoppiano bene con la nostra tecnologia – ha affermato Hanein – e quindi potremmo usarla per degli impianti della retina, che rimpiazzino le cellule danneggiate dalle malattie in piccole aree dell’occhio”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi