La consistenza ossea ereditata d…

[caption id="attachment_5…

Sclerosi Multipla: la molecola c…

Messa a punto una nuova m…

HIV: virus con serbatoi di mater…

Il serbatoio di virus ina…

Alcool, invecchiamento precoce e…

[caption id="attachment_7…

L'apertura del mercato ai generi…

Solo se i generici raggiu…

Life-history traits may affect D…

For the first time, r…

Congresso sindacale Fimp: il per…

Roma, 16 Aprile - Parteci…

La memoria spaziale di una muffa…

Una muffa unicellulare, P…

Cellulite: nuova terapia non inv…

Una nuova tecnologia …

Ypsomed implementa con successo …

Burgdorf, 29 maggio 2014 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperti i neuroni della direzione

Scoperti i neuroni “navigatori” che danno la direzione ai nostri viaggi e che ci aiutano a capire quale direzione dobbiamo prendere, per esempio su strade circolari come il grande raccordo anulare di Roma. E’ il risultato di uno studio condotto all’università di Philadelphia e pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences.

I ‘neuroni della direzione’ integrano le informazioni codificate dai già noti ‘neuroni di posizione’ e aiutano a capire il senso, orario o antiorario, di un percorso. Gli esperti, diretti da Michael Kahana, hanno scoperto i ‘neuroni della direzione’ nella corteccia entorinale (EC) che è una parte dell’ippocampo.

I neuroni di posizione si trovano anch’essi nell’ippocampo, e aiutano a localizzarci nello spazio. I nuovi neuroni ‘tom tom’, invece, si attivano espressamente a gruppi ben definiti a seconda della direzione del nostro moto. Gli esperti lo hanno scoperto facendo compiere un viaggio con un ‘taxi-virtuale’ a un gruppo di pazienti con elettrodi impiantati nel cervello.

Le correnti registrate dagli elettrodi, impiantati a questi pazienti in preparazione di un intervento di neurochirugia, mostrano che un gruppo di questi neuroni di direzione si accende quando il taxi virtuale è guidato in senso orario su una strada circolare cittadina; se la guida è in senso antiorario, invece, i neuroni rimangono spenti. Questi neuroni, quindi, insieme a quelli di posizione sono essenziali per muoverci nello spazio e capire se la direzione presa è quella giusta.
Ansa.it

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi