Tumori: l'antidoto contro cellul…

Tra le furbizie del tumor…

Ictus: ipotermia immediata indot…

Mettere il cervello di un…

Scienziati mettono in guardia da…

Nuove scoperte fatte da u…

Alzheimer: la proteina che blocc…

Una nuova proteina svilup…

Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

Tumore al polmone: eccezionale i…

Per la prima volta in Ita…

HPV HC2 e PAP test: insieme effi…

[caption id="attachment_7…

La latenza del virus HIV viene s…

Un team di ricercatori de…

Chemioresistenza: gli italiani d…

[caption id="attachment_8…

Ministero della salute: ecco "la…

Sulla base delle disposi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Melanoma: nuova terapia di vaccinazione contro recidive e metastasi

Una nuova terapia di vaccinazione nei pazienti operati per metastasi da melanoma. L’Istituto Superiore di Sanita’, in collaborazione con l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e l’Istituto Dermatologico San Gallicano, avvia la fase due della sperimentazione annunciata questa mattina a Roma con una conferenza stampa. “Dopo una prima fase pilota dello studio di questi vaccini combinati con chemioterapia o interferon alfa che aveva indicato chiaramente l’opportunita’ di proseguire le ricerche in questa direzione, abbiamo deciso di avviare la fase due della sperimentazione prevedendo l’arruolamento di 50 pazienti con melanoma metastatico – spiega il presidente dell’Iss, Enrico Garaci – abbiamo gia’ testato la sicurezza della tollerabilita’, si tratta per noi di uno studio strategico come il risultato di una ricerca di base svolta in Iss da piu’ di 20 anni possa essere trasferito nella pratica clinica.

Un’opportunita’ terapeutica enorme – continua Garaci – per quei pazienti che non hanno alternative terapeutiche”. Una terapia innovativa basata sulla rilevazione di parametri biologici specifici, come spiega la dottoressa Virginia Ferraresi dell’oncologia medica dell’Ire: “I criteri di eleggibilita’ per partecipare al protocollo – ha spiegato – sono molto precisi. Si tratta di pazienti con melanoma ad alto rischio di ricaduta che non presentano alcuna metastasi ne’ da un punto di vista clinico ne’ radiologico. Il vaccino – precisa Ferraresi – sara’ somministrato soltanto a coloro che risultano positivi per l’espressione dell’antigene di istocompatibilita’ Hla-A0201 presente in circa il 45% della popolazione italiana”. Gli esperti riuniti all’incontro contano su risultati di tempi abbastanza brevi per segnare una tappa importante nella lotta al melanoma, un tumore in costante aumento “considerato fino a venti anni fa una patologia rara; oggi, invece, molto piu’ diffuso tanto che si stimano in Italia 13 nuovi malati su 100 mila abitanti ogni anno”, come spiega Caterina Catricala’, direttore del Dipartimento clinico sperimentale di dermatologia oncologica e della Melanoma Unit del San Gallicano.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi