Ecco come il sistema immunitario…

Le difese immunitarie 'co…

Studio su cellule periferiche fa…

[caption id="attachment_9…

Campi elettromagnetici: possibil…

Un trattamento per il ron…

"La Salute non conosce confini"

Campagna d’Informazione e…

Finanziamenti per lo studio dei …

Il Consiglio europeo dell…

Da cellule ematiche a cellule ce…

I gamberi sono più intell…

Generare nuovi vasi sanguigni: l…

I vasi così rigenerati so…

Rosacea: piccoli insetti che viv…

Minuscoli insetti che viv…

#Gyneconetmeeting: Quello che le…

Auditorium Fidia Farmaceu…

Un orologio biologico in grado d…

Un orologio capace di mis…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: messo a punto nuovo test per individuarlo in fase precoce. Precisione 96 su 100

Alzheimer: studiosi americani hanno realizzato un test in grado di diagnosticare precocemente l’insorgere della patologia con una precisione del 96%, secondo quanto emerge da uno studio che sara’ pubblicato in aprile su Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della University of Tennessee, di Knoxville negli Usa.

Gli studiosi hanno messo a punto un test diagnostico, chiamato CST (Computerized Self Test), in grado di individuare precocemente la presenza del morbo di Alzheimer e di altre forme di deterioramento cognitivo. Nel corso della ricerca, gli esperti hanno constatato che la precisione del CST nel diagnosticare tali disturbi raggiunge il 96%, motivo per il quale risulta piu’ efficace degli altri test attualmente in uso – che sono risultati precisi soltanto al 71% e al 69%.

”La diagnosi precoce rappresenta uno dei fronti piu’ importanti per la ricerca sull’Alzheimer – spiega Rex Cannon, ricercatore della University of Tennessee -. L’applicazione di strumenti come il CST risulta pertanto di estrema importanza nel settore delle cure primarie”

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi