Tumori: rischio decesso per i pa…

I pazienti malati di canc…

Vibrione del colera: come divent…

Quando il vibrione del co…

Euromelanomaday 2012: sabato 5 e…

Prevenzione, diagnosi pre…

Il CHMP europeo esprime parere p…

Foster City, California, …

La scoperta italiana che correla…

[caption id="attachment_5…

"Pillolo", ossia contraccettivo …

Un composto chimico che i…

Ecco come il nostro cervello sin…

Onde cerebrali «sincroniz…

Cellule intestinali da staminali…

E' la prima volta che si …

I neuroni che controllano la dip…

Una piccola area cerebral…

Resveratrolo: crolla un mito, fo…

Crolla un mito. Non e' ef…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: messo a punto nuovo test per individuarlo in fase precoce. Precisione 96 su 100

Alzheimer: studiosi americani hanno realizzato un test in grado di diagnosticare precocemente l’insorgere della patologia con una precisione del 96%, secondo quanto emerge da uno studio che sara’ pubblicato in aprile su Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della University of Tennessee, di Knoxville negli Usa.

Gli studiosi hanno messo a punto un test diagnostico, chiamato CST (Computerized Self Test), in grado di individuare precocemente la presenza del morbo di Alzheimer e di altre forme di deterioramento cognitivo. Nel corso della ricerca, gli esperti hanno constatato che la precisione del CST nel diagnosticare tali disturbi raggiunge il 96%, motivo per il quale risulta piu’ efficace degli altri test attualmente in uso – che sono risultati precisi soltanto al 71% e al 69%.

”La diagnosi precoce rappresenta uno dei fronti piu’ importanti per la ricerca sull’Alzheimer – spiega Rex Cannon, ricercatore della University of Tennessee -. L’applicazione di strumenti come il CST risulta pertanto di estrema importanza nel settore delle cure primarie”

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x