Fecondazione selettiva: il primo…

Primi risultati positivi …

Il meccanismo di memoria delle c…

Quando una cellula "m…

HIV: Janssen annuncia due import…

Cologno Monzese, Milano, …

Da cellule adulte a staminali: c…

[caption id="attachment_6…

Fecondazione assistita: screenin…

Ridurre al minimo il risc…

IGIENE ORALE 3.0 Metodi E Nuovi …

Igiene Orale 3.0 è un nuo…

Cellule staminali che diventano …

Uno studio pubblicato sul…

Sindrome di Hunter: ritmi circad…

Nei pazienti affetti da …

La debolezza della cellula cance…

[caption id="attachment_8…

Naso umano: conosce circa un tri…

L'olfatto dell'uomo è mol…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: messo a punto nuovo test per individuarlo in fase precoce. Precisione 96 su 100

Alzheimer: studiosi americani hanno realizzato un test in grado di diagnosticare precocemente l’insorgere della patologia con una precisione del 96%, secondo quanto emerge da uno studio che sara’ pubblicato in aprile su Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della University of Tennessee, di Knoxville negli Usa.

Gli studiosi hanno messo a punto un test diagnostico, chiamato CST (Computerized Self Test), in grado di individuare precocemente la presenza del morbo di Alzheimer e di altre forme di deterioramento cognitivo. Nel corso della ricerca, gli esperti hanno constatato che la precisione del CST nel diagnosticare tali disturbi raggiunge il 96%, motivo per il quale risulta piu’ efficace degli altri test attualmente in uso – che sono risultati precisi soltanto al 71% e al 69%.

”La diagnosi precoce rappresenta uno dei fronti piu’ importanti per la ricerca sull’Alzheimer – spiega Rex Cannon, ricercatore della University of Tennessee -. L’applicazione di strumenti come il CST risulta pertanto di estrema importanza nel settore delle cure primarie”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!