Contro il diabete di tipo 1, ins…

[caption id="attachment_7…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

Ebola: anticorpo sviluppato in l…

Scoperta una proteina rec…

Sinusite: predisposizione bassa …

Chi e' piu' sensibile ai …

[SIN] Eccessiva sonnolenza (ESD)…

NE SOFFRE OLTRE IL 15% …

Epilessia: individuato un marcat…

Un marcatore utile per sv…

Una proteina nel latte materno s…

L’attività di una protein…

Infiammazioni: il grande interru…

Il risultato è ritenuto i…

Mini-ictus riducono le aspettati…

Un 'mini-ictus', un attac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[Santanews]Dialisi peritoneale: nuovo approccio clinico terapeutico

Nuove prospettive terapeutiche per gli oltre 4.000 pazienti italiani affetti da insufficienza renale cronica, e sottoposti a dialisi peritoneale. Il gruppo Fresenius Medical Care ha presentato P3, un nuovo approccio terapeutico per la dialisi peritoneale. P3 è un programma di PD completo, appositamente studiato per migliorare la qualità di vita dei pazienti, prolungando al tempo stesso ed in modo sicuro il tempo di trattamento con le metodiche PD.
Questo nuovo approccio alla cura del paziente, la cui prima presentazione è avvenuta a fine ottobre 2009 nell’ambito del Congresso Europeo di Dialisi Peritoneale svoltosi a Strasburgo, viene ufficialmente introdotta in Italia in occasione del congresso in corso di svolgimento a Bari.

Nella dialisi peritoneale il peritoneo, la membrana che riveste la cavità addominale, viene utilizzato come membrana dializzante. Attraverso l’introduzione di una soluzione dialitica, il peritoneo funziona da filtro naturale trattenendo le impurità e i liquidi in eccesso, i quali sono successivamente estratti attraverso un catetere impiantato nell’addome del paziente.
“Questo trattamento dialitico, che può essere effettuato domiciliarmente dal paziente, più volte al giorno o nel corso della notte, risulta non solo meno invasivo rispetto alla emodialisi tradizionale, ma se effettuato con le tecnologie più avanzate e con le soluzioni di dialisi più biocompatibili, mantiene nel tempo una funzionalità renale residua e consente una migliore qualità di vita del paziente” commenta il dr. Paolo Cogliati, Nefrologo responsabile delle attività medico – scientifiche di Fresenius Medical Care in Italia.
In Italia si calcola che siano più di 4000 i pazienti che si sottopongono alla dialisi peritoneale. Di questi, il 10% risiede in Puglia. Mediamente, l’aspettativa di vita di un paziente in dialisi peritoneale e’ assolutamente sovrapponibile a quella di un paziente in emodialisi pur potendo garantire una miglior qualità di vita ed una miglior gestione del tempo del paziente. In Italia Fresenius Medical Care è presente con una sede a Palazzo Pignano (CR), occupando complessivamente circa 170 addetti per l’attività commerciale e 284 per quella produttiva. In Campania e Sicilia è inoltre presente con una rete di 32 ambulatori, direttamente gestiti da Nephrocare, in grado di seguire oltre 1.500 pazienti in dialisi cronica. Circa 500 persone tra medici e personale infermieristico costituiscono lo staff di Nephrocare.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi