Angiopatia da prioni nei topi

[caption id="attachment_6…

Connessioni tra apnee notturne e…

I disturbi respiratori ne…

L'Alzheimer inizia il percorso n…

[caption id="attachment_5…

HIV: 'Progetto genitorialità' pe…

Sempre più coppie sieropo…

HIV: il latte materno blocchereb…

Una ricerca sugli animali…

Malattie cardiache in età pediat…

I neonati messi al mondo …

Studio pilota con brentuximab ve…

– Sopravvivenza glo…

Tosse: individuato un nuovo rece…

[caption id="attachment_1…

Embrioni congelati: in Italia so…

Oltre 7 mila embrioni con…

Gravidanza: un test del sangue s…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla: si fa avanti anche una teoria ‘virale’

il virione dell'Epstein Barr Virus

(AGI) – Boston, 5 mar. – L’infezione da Epstein-Barr virus (Ebv) causa la sclerosi multipla. A scoprire per primi una evidenza diretta tra questo tipo di infezione e la malattia degenerativa sono stati un gruppo di ricercatori della Harvard School of pubblic Health e del Walter Reed Army Institute of Research che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista Annals of Neurology. Per verificare il ruolo giocato dall’infezione da Ebv sul rischio sclerosi multipla i ricercatori guidati da Alberto Ascherio hanno tenuto sotto controllo centinaia di migliaia di pazienti non affetti da Ebv per diversi anni. In questo modo hanno potuto osservare il momento in cui avevano contratto l’infezione e valutare il rischio effettivo di sviluppare, come conseguenza la sclerosi multipla.

Ebv e’ un virus della famiglia degli herpes virus ed e’ tra i piu’ comuni. L’infezione di solito asintomatica viene contratta da piccoli. Se pero’ l’infezione avviene da adulti e’ spesso associata ad alcune forme di mononucleosi. Negli Stati Uniti il 95 per cento degli adulti sono positivi all’Ebv ma senza sintomi. Il virus e’ anche associato ad alcune forme di cancro e causa problemi seri in alcuni pazienti immunodepressi. Lo studio ha evidenziato un rischio sclerosi molto alto nei soggetti che avevano sia una predisposizione genetica alla malattia che una infezione da Ebv. Al contrario nei soggetti non infetti, pur con storie di familiarita’ della sclerosi, il rischio di sviluppare la malattia era molto piu’ basso.
AGI -  Salute

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Notizie dai blog su Gravidanza, con vitamina d bimbo protetto da sclerosi multipla Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] e del Walter Reed Army Institute of Research che hanno pubblicato i blog: ..::::LIQUIDAREA::::.. | leggi l'articolo Per help e visualizzare le immagini abilitare javascript. Scrivi un commento […]

Archivi