Lesioni midollo spinale: ottimi …

[caption id="attachment_7…

Salute - Cittadinanzattiva: repa…

Il servizio di terapia d…

Paralisi facciale: le emicranie …

L'emicrania puo' raddoppi…

Epilessia: i consigli della LICE…

Roma, 18 dicembre 201…

Ipotiroidismo: coinvolti un ital…

Solo 1 italiano su 5 sa c…

Enzima-terapia per combattere l'…

[caption id="attachment_5…

Umore migliore con nuovi neuroni

La neurogenesi nell'adult…

Delusioni amorose: esseri umani …

Gli esseri umani sono pro…

Peperoncino: sequenziato il geno…

Lo studio, opera di un te…

Body Worlds: in autunno arriva a…

Gunther von Hagens’BODY W…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antidiabetico limita rischi tumori legati al fumo

IGF-1

Somministrato a topi esposti a sostanze cancerogene derivate dal tabacco ha mostrato di ridurre di oltre il 40 per cento rispetto ai controlli l’insorgenza del cancro del polmone
La metformina, un diffuso farmaco utilizzato per contrastare il diabete di tipo 2, potrebbe avere una certa attività preventiva nei confronti dello sviluppo del cancro del polmone, secondo quanto risulta da uno studio preliminare condotto presso il National Cancer Institute e presentato al Congresso annuale della American Association for Cancer Research in corso a Washington, DC,

La metformina diminuisce i livelli del fattore di crescita insulinosimile 1 (IGF-1) e dell’insulina in circolo, ma la ricerca suggerisce che essa possa anche inibire la crescita tumorale.

“Questo farmaco approvato dalla FDA per il trattamento del diabete di tipo 2 è stato in grado di prevenire tumori dei polmoni indotti da sostanze cancerogene del fumo edl tabacco”, ha detto Phillip A. Dennis, che ha diretto lo studio.

In particolare, nel corso della ricerca Dennis e collaboratori hanno trattato per 13 settimane con metformina un gruppo di topi che erano stati esposti a nitrosammina derivata dal tabacco, il più importante cancerogeno presente nel fumo.

Somministrata oralmente, la metformina ha mostrato di ridurre dal 40 al 50 per cento l’insorgenza del tumore. Dennis ha detto che i livelli di metformina utilizzati nel l topo possono essere raggiunti anche nell’uomo.

I ricercatori hanno anche valutato gli effetti della metformina su una serie di marcatori biologici per la carcinogenesi del tumore del polmone, trovando che essa aveva inibito il bersaglio della rapamicina (mTOR) che promuove la crescita tumorale, diminuendo i livelli di insulina in circolo e di IGF-1. Questo effetto è risultato ancora più marcato conla somministrazione parenterale, con una riduzione delle dimensionio del tumore del 72 per cento.

Le Scienze – Repubblica

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi