Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

AIFA istituisce gruppo di lavoro…

Il direttore generale del…

Scoperto in America un virus che…

Riduce l'attivita' cognit…

Alla casa di cura Quarenghi di S…

  In media, la terapia r…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Farmaco diuretico, il bumetanide…

Un farmaco commercializza…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Malaria: perché è importante dia…

[caption id="attachment_1…

Coppa Davis: Mundipharma al fian…

Supportato da Mundipharma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come il cervello si organizza davanti a due lavori

Una struttura cerebrale, il cingolato dorsale anteriore, provvede ad assegnarne l’elaborazione a uno o all’altro emisfero a seconda dela loro importanza per il soggetto
A volte si dice con ironia che una certa persona non riesce a fare due semplici cose insieme, ma in realtà quello di attendere a due compiti differenti contemporaneamente è il limite massimo che qualunque persona può raggiungere sperando di ottenere prestazioni accettabili. La cosa in psicologia è già nota, ma ora una ricerca neurofisiologica condotta da due ricercatori dell’Università Pierre et Marie Curie e della Scuola Normale Superiore di a Parigi, Sylvain Charron ed Etienne Koechlin e pubblicata su Science ne dà una chiara spiegazione. A ciascun compito da eseguire, infatti, il nostro cervello dedica uno dei due emisferi.

Per arrivare a questa conclusione i ricercatori hanno sottoposto un gruppo di volontari, tutti destrimani, a risonanza magnetica funzionale mentre erano impegnati a svolgere differenti compiti assegnati. Charron e Koechlin hanno così potuto constatare che quando i volontari eseguivano un compito alla volta, si attivavano contemporaneamente entrambi i lati del cingolato dorsale anteriore e della corteccia premotoria, ma se dovevano eseguire simultaneamente due compiti, l’attività di quelle regioni nell’emisfero cerebrale sinistro era rivolta a controllare l’esecuzione del compito primario mentre quella dell’emisfero destro era devoluta al compito secondario.

Il cingolato dorsale anteriore, un’area già nota per partecipare alla valutazione degli errori commessi e all’elaborazione di strategie ‘ad hoc’ per non ripeterli, ha il ruolo di rappresentare e confrontare gli scopi dei comportamenti immediati e futuri, ossia la ricompensa che comportano, mentre la corteccia frontopolare che elabora la ramificazione operativa dei processi viene “reclutata” sulla base degli incentivi dei due scopi da raggiungere. I rapporti fra queste due aree hanno quindi un ruolo centrale nel valutare le alternative del futuro corso delle azioni e nel fungere da arbitro fra piani in concorrenza.
Più in generale, osservano i ricercatori, questo tipo di divisione del lavoro fra i due emisferi “può chiarire diversi limiti nelle capacità decisionali e di ragionamento dell’essere umano”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x