IPERTENSIONE: PREMIO INTERNAZION…

PRESTIGIOSO PREMIO DELLA …

Terapie oncologiche molto piu' e…

[caption id="attachment_9…

Schizofrenia e declino cognitivo…

La schizofrenia e il dec…

Menopausa: perché il calo degli …

Le donne sono piu' inclin…

Farmaci: stop ai prezzi pazzi: f…

(AdnKronos Salute) - Addi…

Cannabis e sesso: commistione ch…

La cannabis mette a serio…

Osteoartrite: isolata la protein…

L'osteoartrite, malatti…

Fibrillazione atriale e ictus: i…

In un Convegno tenutosi o…

Tumori della pelle: mutazioni di…

[caption id="attachme…

Passi in avanti nell’identifica…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

[Cordis]Vita in assenza di ossigeno

Euglena

Gli animali possono vivere senza ossigeno? Secondo una nuova ricerca europea ci riescono. Alcuni scienziati hanno recentemente scoperto i primi organismi pluricellulari del nostro pianeta in grado di sopravvivere e riprodursi in un ambiente completamente privo di ossigeno. Presentati sulla rivista BioMed Central (BMC) Biology, i risultati fanno parte dei progetti HERMES e HERMIONE, finanziati dall’UE con 15,56 milioni di euro e 8 milioni di euro nell’ambito del sesto e settimo programma quadro (6° e 7° PQ) rispettivamente.

Le creature, che si trovano nelle profondità marine del Mediterraneo, sopravvivono in un ambiente privo di ossigeno, ma ricco di solfuri tossici. Gli scienziati hanno detto che gli organismi pluricellulari, che appartengono al gruppo dei Loriciferi, non solo sono vivi, ma anche metabolicamente attivi e perfino in grado di riprodursi.

Il team ha scoperto gli organismi nel corso di tre spedizioni oceanografiche effettuate su un periodo di 10 anni. I ricercatori stavano cercando fauna vivente nel sedimento del bacino dell’Atalante nel Mediterraneo orientale, a circa 200 chilometri al largo della costa occidentale dell’isola greca di Creta. Questo bacino ipersalino d’altura, che è profondo circa 3,5 km, è per la maggior parte completamente anossico (assenza o grave carenza di ossigeno).

“Si pensava che questi ambienti estremi fossero abitati esclusivamente da virus, batteri e archei (ovvero microrganismi unicellulari)”, ha spiegato l’autore principale, il professor Roberto Danovaro, direttore del Dipartimento di scienze marine presso l’Università Politecnica delle Marche ad Ancona. “I corpi di animali multicellulari erano già in passato stati scoperti, ma si pensava fossero affondati fin lì dalle acque ossigenate che si trovano più in alto. I nostri risultati indicano che gli animali da noi recuperati erano vivi. Alcuni, infatti, contenevano anche delle uova”.

Utilizzando la microscopia elettronica, i ricercatori hanno scoperto che queste minuscole creature possiedono organuli simili agli idrogenosomi, che si trovano in organismi unicellulari che vivono in ambienti anaerobi.

Commentando i risultati di questo studio rivoluzionario, la professoressa Lisa Levin della Scripps Institution of Oceanography, negli Stati Uniti, ha detto: “Le scoperte di Danovaro e dei suoi colleghi offrono l’allettante promessa di vita metazoica in altri ambienti anossici, ad esempio nell’oceano subsuperficiale al di sotto dei camini idrotermali o delle zone di subduzione o in altri bacini anossici”.

Da parte loro, i dottori Marek Mentel e William Martin, rispettivamente dell’Università Comenius in Slovacchia e dell’Università di Dusseldorf in Germania, hanno osservato: “La scoperta di forme di vita metazoica in un ambiente permanentemente anossico e solfurico fornisce un’idea di come in passato potrebbe essere stata buona parte dell’ecologia terrestre nell’Oceano Canfield [un oceano solfurico, parzialmente ossico esistito tra il periodo Acheano ed Ediacarano], prima dell’ascesa dei livelli di ossigeno nelle profondità marine e della comparsa dei primi animali di grandi dimensioni nella documentazione fossile circa 550-600 milioni di anni fa”.

Coordinato dal britannico National Oceanography Centre Southampton, HERMES (“Hotspot ecosystem research on the margins of European seas”) aveva come obiettivo la previsione dei cambiamenti della biodiversità in relazione ai cambiamenti ambientali, naturali e artificiali, per creare il primo sistema di informazione geografica paneuropeo completo. Il consorzio HERMES comprende 50 partner tra cui 9 piccole e medie imprese (PMI) con sede in 17 paesi europei, tra cui Belgio, Germania, Grecia, Italia, Norvegia, Romania, Russia e Ucraina. HERMES è durato dal 2005 al 2009.

HERMIONE (“Hotspot ecosystem research and man’s impact on European seas”), il successore del progetto HERMES, cerca di allargare le nostre conoscenze del funzionamento degli ecosistemi delle acque profonde e il loro contributo alla produzione di beni e servizi. HERMIONE, che è stato lanciato nel 2009 e si concluderà nel 2012, è coordinato dal Natural Environment Research Council (NERC) nel Regno Unito e riunisce 38 partner da tutta Europa.

Per maggiori informazioni, visitare:

HERMES:
http://www.eu-hermes.net/

HERMIONE:
http://www.eu-hermione.net/

Per scaricare l’articolo da BMC Biology, fare clic:
qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi