Futuri neopadri: rilevati cambia…

Non hanno le nausee mattu…

Il modello 'animale' in laborato…

[caption id="attachment_5…

Lesioni midollo spinale: i globu…

[caption id="attachme…

Melograni: scudo anti-aging del …

Una dose quotidiana di es…

Tumori: nanobombe raggiungono le…

Sono state costruite nano…

Arresto cardiaco: 170 casi al gi…

Istituzioni, associazioni…

Perdita di densità ossea: topi n…

Un gruppo di topi affront…

Il gene che fa 'battere il cuore…

La ricerca apre nuove pro…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

Tricologi lanciano allarme perdi…

I film ci propongono sem…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: stimolazione magnetica come metodo di cura alternativo

Primo studio scientifico condotto in Europa sugli effetti della stimolazione magnetica come metodo di cura della depressione che non risponde a cure farmacologiche preesistenti. E’ stato pubblicato on line sulla rivista internazionale ‘Neuroscience’, a cura di un gruppo di ricercatori del dipartimento di Scienze neurologiche e psichiatriche dell’Universita’ di Firenze, guidati da Stefano Pallanti, direttore dell’Agenzia di Psicologia Clinica e Psicoterapia dell’Azienda ospedaliero-universitaria Careggi. Sessanta pazienti per tre settimane sono stati trattati con la stimolazione magnetica transcranica – metodologia recentemente approvata per la depressione farmaco-resistente dall’Autorita’ sanitaria degli Stati Uniti (FDA-Food and Drug Administration). I soggetti hanno ricevuto sia la stimolazione di ambedue gli emisferi del cranio (a bassa frequenza sull’emisfero destro e ad alta frequenza su quello sinistro) sia la stimolazione a bassa frequenza sul solo emisfero destro.


Lo studio ha dimostrato che la stimolazione unilaterale a bassa frequenza sull’emisfero destro e’ piu’ efficace e potrebbe essere la prima linea di trattamento in questo tipo di depressione: ad essa va attribuito un maggior numero di guarigioni (30%), rispetto a quelle osservate con la stimolazione bilaterale (10%). “Si tratta di uno studio molto importante – ha commentato Stefano Pallanti – che sottolinea l’eccellenza in Italia della ricerca fiorentina in questo campo e promuove una metodologia semplice nel trattamento della depressione farmaco-resistente: ulteriori studi dovranno confermare questi risultati su cui ci siamo anche confrontati a livello internazionale con il direttore del Centro per la Brain Stimulation della Columbia University di New York, Sarah H. Lisanby”. –
AGI - Salute

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi