Epilessia: astrociti i neurotrasmettitori co-responsabili delle crisi

Scoperto uno dei meccanismi responsabili dell’insorgere dell’epilessia: il “colpevole”, in questo caso, sembra essere il malfunzionamento di alcuni neurotrasmettitori, chiamati astrociti. Se, a causa di un disturbo neurologico, le dimensioni di questi ultimi si modificano, la comunicazione fra i neuroni viene “amplificata oltre misura” e si creano le condizioni perché si verifichino gli attacchi epilettici, secondo quanto affermano, in uno studio pubblicato su Nature Neuroscience, i ricercatori americani del Children’s Hospital of Philadelphia.

La ricerca, condotta su un gruppo di topi, ha dimostrato che l’alterazione degli astrociti influisce sulla “segnalazione elettrica” fra i neuroni cerebrali, che divenendo “eccessiva”, finisce col provocare le cosiddette crisi epilettiche. I neurotrasmettitori alterati, infatti, tendono a gonfiarsi fino al punto di ridurre i livelli di una sostanza chimica, presente nel cervello, che ha il compito di inibire la segnalazione elettrica tra i neuroni, la quale, a sua volta, va “fuori controllo” e dà origine ai famosi “attacchi”.

“Nell’epilessia l’inibizione cerebrale non funziona correttamente – spiega Douglas Coulter, ricercatore del Children’s Hospital of Philadelphia -, e, a causa di ciò, la ‘segnalazione elettrica incontrollata’ causa le crisi epilettiche”. (ASCA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *