Cancro alla vescica: bere molta …

Bere molti liquidi, in pa…

Alzheimer: alla radice della mal…

[caption id="attachment_9…

Convulsioni dovute ad anestetici…

Una nuova ricerca ha iden…

Tumore al colon: completato il r…

Completato il reclutament…

Il modello Campania, su base naz…

La nuova Legge regionale …

Laser e degenerazione maculare: …

[caption id="attachment_1…

Epilessia in età pediatrica inci…

L'esordio infantile dell'…

Teva e Active Biotech continuano…

Gerusalemme & Lund, S…

Laser a bassa frequenza per bruc…

[caption id="attachment_6…

Scoperti i geni che determinano …

Combinando assieme tecnic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il marcatore RNA HOTAIR, in grado di rilevare la presenza di tumori al seno

È come una spia in grado di rilevare la presenza del tumore. Si chiama Hotair ed è un marcatore genetico che, secondo una ricerca dell’università di Stanford, è in grado di identificare il cancro al seno. Una malattia che colpisce solo nel nostro paese 37mila donne all’anno, quasi una su dieci.

Il marcatore su cui hanno puntato i riflettori gli studiosi di Stanford è un Rna recentemente identificato. “Questo Rna, chiamato Hotair – spiega Howard Chang, professore associato di dermatologia a capo della ricerca e membro dello Stanford Cancer Center – gioca un ruolo molto importante per la salute umana: spinge infatti le cellule del tumore alla formazione di metastasi, peggiorando sensibilmente la prognosi”. Identificare questo marker tumorale, si legge sullo studio pubblicato su Nature, significa quindi identificare le metastasi, la recidiva e la sopravvivenza di circa un terzo delle donne che affette da questa patologia.

Fino a poco tempo, si pensava che l’RNA avesse come funzione principale quella di dare le istruzioni ai ribosomi per la formazione delle proteine. In realtà studi successivi hanno dimostrato che l’Rna è molto più versatile. Tanto che alcuni tipi possono influenzare anche l’attività dei geni, a tal punto da modificare la struttura del DNA. E Hotair è uno di questi.

In questo studio Chang e suoi colleghi hanno analizzato il ruolo di questa proteina in normali tessuti mammari e in quelli di donne malate di cancro al seno e di quelle con un tumore della mammella che ha metastatizzato in altre parti del corpo. Ebbene, stando ai risultati, chi aveva livelli più alti di questo marcatore genetico, hanno osservato gli scienziati, rischia di più di andare in contro a metastasi rispetto alle pazienti con livelli di marcatore più vicini alla norma.

L’analisi poi è stata ripetuta su campioni di tessuti con cancro della mammella congelati e conservato al Netherlands Cancer Institute. Essi hanno scoperto che quelle donne il cui tumore primario contava alti livelli di Hotair avevano circa tre volte più probabilità dei loro coetanei di avere la loro tumori metastatizzati e di morire nei successivi 15 anni. E l’associazione va a prescindere dalle dimensioni del tumore della donna, la fase o stato dei recettori ormonali.

Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi